I Salvataggi che NON ci Salveranno e gli Itellettuali di Sinistra

I Salvataggi che NON ci Salveranno e gli Intellettuali di Sinistra suonano la Carica

IO prima e il FRONTE  successivamante abbiamo scelto di divulgare i lavori del Prof. Alberto Bagnai quando pochissimi a Sinistra conoscevano la sua esistenza. Molti Intellettuali di Sinistra adesso tentano di far passare Noi di Destra e mettendo nel calderone anche NOI del FRONTE come Populisti e Demagoghi, avendo imparato (secondo loro) quattro parole in croce e ripetendole come dei pappagalli, come Sovranità, Nazione, Europa dei Popoli, Signoraggio Bancario ecc. senza mai approfondire nel merito tutti questi temi, dovuto secondo loro ad ignoranza e demagogia e da una forte componente ideologica. Noi del FRONTE sapevamo che gli Intellettuali di Sinistra avrebbero usato questi argomenti, che in parte IO condivido, infatti è quello che ho cercato di far capire da anni ad alcuni esponenti Importanti della Destra Italiana, Inutilmente, che si stavano SUICIDANDO. Ma voglio ricordare a tanti Intellettuali di Sinistra che se a Destra c’èra demagogia e populismo in parte vero, a Sinistra c’èra il DESERTO  EURODIPENDENTE, la parola EURO e EUROLANDIA erano VIETATE solo a pronunciarle, figuratevi un confronto o un dibattito serio sulla sua sostenibilità da parte dell’Italia, quindi bisogna essere onesti intellettualmente per ammettere la superficialità a Destra e la Pochezza con il quale hanno “sorvolato” sul Suicidio della Sinistra servito su un piatto d’argento, nell’assumersi la paternità dell’EURO, ma bisogna prima di tutto ammettere che a Sinistra Difendevate e Difendete ancora oggi il Progetto Criminale più Efferato e Meschino della Storia. Noi del FRONTE siamo stati gli unici a capire il Suicidio della Sinistra e non a caso abbiamo battutto come dannati su EURO e EUROLANDIA  ma non in modo ottuso, superficiale o ideologico, ma in un modo nuovo, mettendo in evidenza i peccati di una politica miope e incapace di rappresentare e difendere Popolo e Nazione.  Una modo nuovo di concepire la Politica frutto di una Nuova Destra di Governo che non ha paura del confronto, ne di censurare o denigrare l’avversario attraverso fantasmi ideologici, lo abbiamo dimostrato divulgando i lavori di Alberto Bagnai per primi, pur non essendo certo di Destra il Prof. Bagnai, dimostrando la pochezza della Sinistra che rinnegava un suo Intellettuale capace, competente e con grandi doti di Onestà Intellettuale poco conosciute a Sinistra, solo perchè non era funzionale e asservito al Progetto Criminale di una Moneta Unica a Cambio Fisso e di una Unione Impossibile, solo perchè non era Omologato al pensiero Unico di Economisti di Sinistra che hanno cambiato Marx con Friedman, (come scambiare l’oro con il piombo)  solo perchè è un Uomo Libero da Intrallazzi Politici. Quindi a NOI che siamo non di Destra Becera e Ottusa, ma di Destra Degna e Competente dovete riconoscere che esiste purtroppo per Voi una Destra che vi ha battuti sul Tempo e continueremo a Battervi, perchè siete troppo Prevedibili e prigionieri di voi stessi, della vostra coscienza, cosapevoli che non avete via d’uscita, siete costretti a rivolgervi tutti i giorni, ormai da mesi pregando quel DIO che avete sempre mal digerito, che almeno una volta vi faccia quel miracolo che gli Uomini, anche se Intellettuali sopraffini, non sono più in grado di fare, la Moltiplicazione di EURI per salvare l’Italia e tutta Eurolandia, l’artmetica e la vostra scienza ha già decretato la vostra fine da mesi, DIO, siamo convinti che aiuta gli audaci e non chi non si pente dei propri peccati e come se non bastasse, continua ad infieire scomodando fantasmi del passato retorico e stantio, alla ricerca della pagliuzza nell’occhio di una Destra Nuova e di Governo come  il FRONTE ITALIANO DESTRA POPOLARE.

I “salvataggi” che non ci salveranno

Alberto Bagnai
16-09-2011

Intervenendo su lavoce.info prima della manovra di luglio prevedevo che essa difficilmente avrebbe placato i mercati. La previsione si è avverata e i motivi che ne hanno determinato il successo sono gli stessi che determineranno, purtroppo, l’insuccesso delle attuali strategie di salvataggio della zona euro.

Lo squilibrio strutturale
Si parla solo di debiti “sovrani”, ma la scansione dei fatti mostra che la crisi dei PIGS nasce dall’accumulazione di debito privato verso creditori esteri. Dal 2000 al 2007 nei PIGS è cresciuto il debito estero (in Grecia, Portogallo e Spagna per circa 60 punti di Pil; Fig. 1), ma il debito pubblico era stazionario (come in Grecia) o in calo (Spagna, Irlanda, Italia). Il debito estero era quindi essenzialmente privato (questo è chiaro ad esempio a De Grauwe). Certo, il debito “nato” privato è poi “morto” pubblico: dal 2008 la perdita di credibilità dei PIGS chiude il rubinetto dei capitali esteri e i salvataggi pubblici della finanza privata fanno esplodere l’indebitamento pubblico. Ma se non si ricorda che il problema è il debito privato, non si capisce perché le manovre non hanno risolto nulla e perché i “salvataggi” autunnali si avviano sulla stessa strada.

Moneta unica, inflazioni diverse
L’indebitamento privato estero ha una causa strutturale nota: i tassi di inflazione dell’eurozona non stanno convergendo1. Dal 2000 al 2007 la Germania ha avuto l’inflazione media più bassa (1.6%). All’estremo opposto Irlanda (3.4%), Grecia (3.2%), Spagna (3.1%) e Portogallo (2.9%) hanno avuto l’inflazione più alta: la competitività è diminuita, le importazioni di beni dai paesi “virtuosi” dell’eurozona sono aumentate, le esportazioni diminuite. Per finanziare il deficit estero i PIGS hanno fatto ricorso al credito dei paesi virtuosi, e il resto è storia. La Fig. 2 mostra come nei PIGS l’indebitamento estero si sia mosso in simmetria con lo scarto fra prezzi interni e prezzi tedeschi: a maggior inflazione cumulata corrisponde maggior indebitamento estero (in maggior parte privato).

Ti piace vincere facile?
Dicono che il successo della Germania sia dovuto alla sua capacità di innovare, che le permette di vincere la sfida posta dalla Cina, e la rende “locomotiva” dell’Europa. I dati raccontano una storia diversa. Dal 1999 al 2007 la Germania ha avuto un deficit crescente verso i BRIC (quello verso la Cina è aumentato di circa 20 miliardi di dollari; Tab. 1). I 239 miliardi di aumento del surplus tedesco sono spiegati per due terzi dagli scambi con i paesi europei, di cui un terzo da quelli coi paesi meridionali. L’innovazione c’entra poco: queste dinamiche sono spiegate dalla competitività di prezzo (Fig. 2). Insomma, la Germania fa crescere la Cina acquistandone i beni coi soldi ricavati vendendo beni a noi. Ha ragione De Nardis: la locomotiva tedesca tira nella direzione sbagliata

 

La deflazione competitiva
Quando un paese è in surplus evidentemente i suoi beni sono molto richiesti. La legge della domanda e dell’offerta vuole allora che i prezzi di questi beni aumentino rispetto a quelli dei concorrenti: si chiama rivalutazione reale. Se in più il paese ha una valuta propria, il cambio si apprezzerà perché la valuta dell’esportatore viene domandata per acquistarne i beni: si chiama rivalutazione nominale. Ma in Germania non va così. La rivalutazione nominale verso i partner dell’eurozona è scongiurata dell’euro. L’aumento dei prezzi da una politica di crescente moderazione salariale, per cui a produttività crescente corrispondono salari reali calanti. Il patto sociale tedesco si basa su una deflazione competitiva che equivale a una svalutazione reale competitiva e trasforma l’eurozona in un gioco a somma nulla: il nucleo si alimenta a spese della periferia, causandone il dissesto finanziario, e accumulando crediti esteri per oltre mille miliardi di dollari dal 1999 al 20092.
Palliativi e terapie
Ecco perché nel lungo periodo i “salvataggi” falliranno, come nel breve sono fallite le “manovre”: “manovre” e “salvataggi” intervengono sulla finanza pubblica, a valle di uno squilibrio reale privato, lasciando inalterato quest’ultimo. Che l’acquirente sia un fondo “salva-Stati” o la Bce cambia poco: l’acquisto di titoli pubblici è un palliativo che non risolve i problemi di competitività (causati da diversità strutturali dei mercati del lavoro), né quelli del debito privato (causato dagli sbilanci esteri). Anzi: visto che i paesi periferici hanno tassi di inflazione più elevati, il livellamento dei tassi nominali porterebbe in questi paesi a tassi reali più bassi di quelli del nucleo, e al limite negativi, con il rischio di innescare ulteriori bolle immobiliari o comunque una ulteriore espansione del debito privato. La Bce questo lo sa benissimo, e infatti fin da agosto ci ha proposto una norma che opera sul vero squilibrio: quella sui licenziamenti. Se il problema fosse il debito dei governi periferici, facilitare l’uscita dal lavoro dei dipendenti privati cosa risolverebbe? Ma se il problema sono i differenziali di inflazione, questa norma, inducendo “moderazione salariale”, aiuta. Perché la “moderazione” tedesca ha una spiegazione vecchia come il mondo: più disoccupazione, cioè un eccesso di offerta sul mercato del lavoro. In Germania la legge della domanda e dell’offerta non funziona per la valuta e per le merci, ma per il lavoro sì, e come! Prima della crisi la Germania aveva la disoccupazione più alta dell’eurozona (Fig. 3). E se i prezzi devono convergere verso il basso, far convergere la disoccupazione verso l’alto può essere una soluzione.

 

 

Goofynomics
Ed è anche l’unica soluzione, se si opera col paraocchi mercantilista, per cui chi esporta è bravo, mentre chi importa è cattivo, e lo squilibrio deve sanarlo lui. Se le cose stanno così, il “cattivo” non ha alternative: “o svaluta la moneta (ma nell’euro non si può più) o svaluta il salario”. Ma un’Unione Economica può basarsi su deflazioni competitive, cioè sulla guerra commerciale, anziché sulla cooperazione? Qui ci soccorre la Goofynomics: è strano come un’esportazione vista dall’estero somigli a un’importazione. Insomma, la logica mercantilista non spiega come fai a essere bravo (cioè a esportare) se nessuno è cattivo (cioè importa). La verità è che se gli squilibri persistono non ci sono buoni e cattivi: gli sbilanci esteri hanno due lati e vanno gestiti dai due lati: chi ne ha beneficiato deve contribuire al loro riequilibrio quanto e più di chi ci ha rimesso, per il semplice motivo che ha più risorse per farlo.

Del resto, supponiamo che i paesi periferici adottino le strategie di rigore proposte: combattendo questa battaglia perderebbero in ogni caso la guerra. Infatti, se le politiche di “tagli” non riuscissero a incidere sul differenziale di inflazione, i sacrifici sarebbero vani, perché persistendo lo squilibrio esterno proseguirebbe l’accumulazione di debito privato (a fronte di riduzioni del debito pubblico rese modeste dal rallentamento della crescita, e vanificate periodicamente dalla necessità di salvare la finanza privata). Ma anche se i tagli avessero successo, riportando l’inflazione dei paesi periferici in linea o leggermente al di sotto di quella della Germania, la risposta tedesca non si farebbe attendere: ulteriori ribassi competitivi dell’inflazione, come sperimentato anche nel passato recente (vedi sempre il lavoro di Cesaratto e Stirati), e così via. L’eurozona si avviterebbe in una spirale recessiva senza uscita. E questo i mercati lo intuiscono benissimo: ecco perché sono così nervosi.
L’unica vera terapia sarebbe indurre la Germania a sostenere la propria crescita con la propria domanda interna, espandendo i consumi, anziché, come ha fatto finora, con la nostra domanda, espandendo le esportazioni. La Germania ha le risorse per farlo: facendolo contribuirebbe a sanare gli squilibri europei, rilanciando crescita e occupazione e diventando veramente la locomotiva d’Europa.

I veri costi della politica
Ma questa soluzione trova due ostacoli politici: uno interno alla Germania, perché dopo aver raccontato per motivi elettoralistici che la colpa è dei meridionali pigri, i politici tedeschi, indipendentemente dal loro colore, non possono proporre ai loro elettori di  cooperare coi “cattivi” (anche se i primi a beneficiarne sarebbero proprio i “buoni”); uno esterno alla Germania, perché solo un’azione coordinata dei governi periferici, guidati da quello del paese periferico più importante (che rimane il nostro) potrebbe far ragionare il governo tedesco. Ma il nostro governo precedente aveva la credibilità nulla che la “politica del cucù” gli ha procurato, e quello attuale è incline a seguire la strategia di deflazione proposta dalla Bce. Soluzioni cooperative non sembrano quindi realizzabili, il che mette una seria ipoteca sulla sostenibilità dell’euro. Per chi tiene veramente a mantenere la moneta unica sarebbe allora molto più razionale valutare l’ipotesi di “exit rules”: all’estero se ne parla serenamente. In loro assenza, allo stato attuale l’alternativa più plausibile rimane quella di una disgregazione dell’eurozona, subita e non gestita, con tutti i costi economici e politici che questo comporta.