Europei Come Gli Indiani

Noi Europei faremo la stessa fine degli Indiani D’America, stessa tecnica per fare il dollaro come l’euro.

 

europei come gli indiani_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

Da sempre il Fronte Popolare e direi l’unico partito politico, sostiene che l’euro in europa non può sopravvivere, perchè non esiste un popolo europeo omogeneo, condizione fondamentale perchè possa sopravvivere una moneta unica.

Solo in un caso può sopravvivere, sostituendo gli europei con il meticciato.

Ma questo è un “gioco” molto pericoloso e da veri criminali, mentre si continua a non dire la verità agli europei, illudendoli con false riprese e false speranze, condizionati dalla parolina magica che si chiama PAURA del cambiamento.

Oggi sono altri ben più autorevoli di noi ad affermare le stesse cose, ma talmente il popolo è annichilito dal bombardamento mediatico, che è incapace di qualsiasi acquisizione e reazione, lontano dalla presa di coscienza dei fatti.

Questo lassismo e menefreghismo porterà ad uno scontro sociale senza precedenti, come affermiamo da anni, eppure si esulta alle unioni tra politicanti che hanno voluto questo, come il PD, FI, M5S, SEL,Comunisti, Ex AN, Lega, Tsypras, Fratelli D’Italia ecc.

Oggi leggevo che si sono accorti che molti pensionati italiani si trasferiscono all’estero, dove vivono meglio con la loro pensione e che questo è un danno, perchè la pensione viene spesa all’estero, quindi toglie ricchezza al nostro paese.

Ma signori, abbiamo fatto decine di articoli su questo, dove sostenevamo che gli immigrati non sono una ricchezza e non servono a pagare nessuna pensione, se non nell’immediato come qualsiasi italiano, ma tra 20/25 anni saranno tutte pensioni che andranno all’estero e dato il numero sostanzioso degli immigrati, il sistema pensionistico RISULTERA’ INSOSTENIBILE e verrà regalato all’elit privata, banche e assicurazioni, con le dovute conseguenze, ecco perchè difendono l’euro e sono “buoni”….capito?

Loro hanno le banche e voi neppure un conto corrente.

Se con quattro pensionati italiani già affermano che è un problema, figuratevi dopo con milioni di stranieri cosa accadrà….questo per gli idioti chi ci accusano di razzismo, senza capire una fava, dell’intero progetto criminale dell’euro.

Si crede che Mondialismo, l’euro, liberismo, invasione, svalutazione del lavoro, costituzione, democrazia, libertà, guerra, tasse….siano fenomeni a se, che la colpa è vostra per avere vissuto sopra le vostre possibilità o perchè non figliate più, ma si pensa male, fanno parte tutti dello stesso disegno criminale, per fermare tutto noi avevamo e abbiamo solo una possibilità, abbattere l’euro che è la loro arma e riconquistare la sovranità nazionale….non ci sono altre strade percorribili, il più europa e una pazzia che produrrà lo scontro sociale e aumenterà i costi per tutti per il dopo…come abbiamo sempre sostenuto…inascoltati a causa della troppa sufficienza egoistica.

Smettetela di piagnucolare su fb, smettetela di dire che non potete fare nulla, smettetela di mentire a voi stessi, la vita è scelta come la politica e l’economia, loro sono soltanto 1% della popolazione mondiale, tutti voi appartenete al restante 99%, pensate che l’1% possa governare il 99% dei popoli e che non si possa fare nulla contro i loro carri armati?

Vi hanno solo convinti di questo, ma non è la realtà dei numeri è solo la vostra gabbia, il vostro recinto mentale, costruito ad arte da loro attraverso il sistema politico, economico e della disinformazione, abbiate il coraggio di saltare quel recinto senza paura e vi accorgerete che non hanno nessuna possibilità di vincere, come vi accorgerete che ognuno di voi ha una potenziale potenza unendosi ad altri, unica e inimmaginabile, se capite questo, tutto vi sembrerà diverso e la rassegnazione sparirà, lasciando il posto alla libertà, altrimenti diventerete come gli indiani d’america.

Non vi appassionate a chi vice o chi perde all’interno dell’attuale sistema politico, non vi serve è votarli ancora dopo tutto è un suicidio, pensate a cosa potreste fare voi che fino ad oggi non avete fatto, tranne su qualche social da singoli, attraverso un contributo attivo e non passivo e limitato ad un semplice voto che non basta più, e non commettete l’errore diffuso da ignoranti, che ha voi non toccherà, perchè così non è.

 

Ecco l’articolo a suffragio della nostra tesi…

LE ELITES USANO GLI IMMIGRANTI PER FORGIARE IL NUOVO IMPERO EUROPEO

Fonte: vocidallestero.it

Un articolo di Russia Insider prende spunto dai pensieri sull’immigrazione del presidente Ceco Klaus. Con la scusa del multiculturalismo, le élite europee vogliono imporre i migranti alle diverse nazioni. Il fatto che le massicce migrazioni mettano a rischio la coesione sociale degli stati non è un effetto indesiderato: si tratta di uno degli obiettivi principali delle élite. Gli eurocrati vogliono fare piazza pulita di questa Europa e rimpiazzarla con una nuova, formata da cittadini più malleabili alle esigenze dell’aristocrazia. Il “più Europa” non è quindi un mezzo per ottenere risultati per i cittadini europei, bensì il fine stesso di questo processo. L’obiettivo è la creazione di un nuovo “impero europeo”, come Hitler cercò di fare con il terzo Reich, o di distruggere il continente nel tentativo.

 

Di Frank Davis, 29 settembre 2015

 

Vaclav Klaus, scriveva un paio di settimane fa:

Noi, cittadini firmatari, non vogliamo rimanere passivi a guardare le nostre istituzioni e i nostri rappresentanti politici che perdono tempo in quest’ora cruciale, senza ottemperare il loro dovere, che è – prima di tutto – la difesa della sicurezza e degli interessi dei propri cittadini. L’immigrazione di massa è una minaccia fondamentale alla stabilità dell’Europa così come dei singoli paesi UE. CI troviamo di fronte a una seria minaccia al futuro del nostro paese.

Ovviamente, non aveva tutti i torti. Ma un paio di giorni fa :

Oggi gli stessi ministri degli interni dell’Unione Europea (UE) hanno imposto un piano per ricollocare almeno 120.000 migranti tra gli stati membri dell’UE, senza considerare se la popolazione di quei paesi o i loro governi fossero d’accordo. Il metodo usato per imporre questa decisione viene chiamato “votazione a maggioranza qualificata” (VMQ) – come aveva previsto il leader dell’UKIP Nigel Farage nel suo articolo sul Breitbart London appena 4 giorni fa.

Ed ecco la risposta di Vaclav Klaus:

Citandolo come un raro esempio di scienza sociale che opera “in armonia con il buon senso”, Klaus scrive che la coesione interna di una comunità è “essenziale per il suo funzionamento positivo e produttivo e per la necessaria stabilità di una società”. Egli fa specifico riferimento ai concetti economici di “capitale umano e sociale” senza i quali – egli dice – “uno stato sano e funzionante non è concepibile”.

Klaus avverte che “l’attuale dibattito sull’immigrazione – inquinato dall’ideologia del multiculturalismo – ignora questi fatti elementari”. Al contrario, i sostenitori della migrazione credono che i singoli stati europei possano “rimpolpare” la forza lavoro senza problemi. Perciò essi si propongono di accogliere e alloggiare i migranti con la promessa di “una vita nuova, migliore”.

Klaus spiega quale è a suo parere la vera motivazione per la quale la migrazione viene sostenuta, facendo riferimento al pensiero dell’ex capo dell’ufficio della Presidenza, Jiri Weigl.

Egli riferisce la teoria di Weigl secondo la quale la finalità della politica delle “braccia aperte” è per l’appunto quella di distruggere la coesione sociale per poter costruire una “nuova Europa” sulle rovine della vecchia “senza coloro che sono soddisfatti dell’Europa esistente”. Dal momento che i migranti non si sentono legati a nessuno degli attuali stati europei in particolare, essi possono essere più facilmente rieducati, manipolati e indottrinati a identificarsi con una “nuova Europa multiculturalista”.

Posso tranquillamente credere che lo scopo sia di distruggere la coesione sociale. Dopo tutto, i divieti di fumo in tutta l’Europa (e di fatto in tutto il mondo) sono già estremamente efficienti nel distruggere la coesione sociale. Anzi, di questi tempi, praticamente ogni cosa è culturalmente distruttiva e divisiva in una maniera o nell’altra.

Ma è molto più facile distruggere che costruire. Creare un’opera d’arte richiede molta abilità e fatica, ma bastano pochi colpi di martello per distruggerla.

Magari l’idea è che quando l’Europa sarà completamente distrutta, sarà facile modellarla in una nuova forma. Ma c’è qualcuno che abbia la sensazione che tutti questi architetti della Nuova Europa abbiano la più pallida idea di quello che stanno facendo? C’è qualcuno che crede che tipi come Juncker e la Merkel e Hollande e Cameron sonofilosofi visionari e statisti di un qualche tipo?

L’unico loro obiettivo sembra essere il Sacro Graal del “più Europa”, che significa la costante centralizzazione del potere in quello che sta diventando un nuovo Impero Europeo diretto da una nuova aristocrazia non rappresentativa e auto-selezionata che strappa sempre più potere per sé stessa ad ogni occasione, ma sembra incapace di prendere una qualsiasi decisione.

Qual è lo scopo del “più Europa?” Sembra non esserci alcuno scopo salvo la sua stessa realizzazione? “Più Europa” è l’obiettivo del “più Europa”. L’Europa deve diventare uno stato unificato, e tutte le altre questioni – incluso il benessere dei suoi stessi cittadini – sono secondarie all’ottenimento dell’obiettivo. Un super-stato europeo che va da Dublino al Dneipr, che inevitabilmente entrerà in conflitto con la Federazione Russa, è di per sé stesso e in sé stesso il desiderio di questi architetti di un nuovo impero: un edificio politico che possa eguagliare l’Impero Romano o il Terzo Reich. Qualcosa di molto, molto grande. Perché le dimensioni contano. In particolare, nei libri di storia.

Ma perfino gli imperatori romani si preoccupavano di mantenere tranquillo il popolo romano, perché sapevano che se esso si fosse rivoltato contro di loro, sarebbero stati velocemente rovesciati.

Ma i nostri nuovi imperatori sembrano deliziati nel demolire le società sopra le quali si fonda il loro potere politico. Stanno segando i rami sui quali sono seduti. E quando cadranno, trascineranno tutti insieme a loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>