Cari Imprenditori Non Ci Siamo

Cari Imprenditori non ci siamo ancora una volta.

 

imprese_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

In questi giorni io e i dirigenti del Fronte abbiamo avuto modo di fare qualche incontro in giro per l’italia, come facciamo da anni, (non dietro una tastiera), a spese nostre (per qualche imbecille).

Domenica eravamo a Firenze invitati da piccoli imprenditori che si stanno unendo in una nuova associazione, per far sentire la loro voce, aggiungo giustamente era ora, ma non basta.

Ho notato che l’argomento è la tassazione e fare impresa come si è sempre fatta, lottare attraverso la contrattazione numerica, “più siamo più contiamo” verso il potere politico.

A distanza di anni del primo incontro che feci con piccoli e medi imprenditori Veneti, ho notato una cera consapevolezza in più su determinati argomenti, ma siamo ancora lontani anni luce dal capire il vero ruolo che potrebbero giocare gli imprenditori italiani, verso un cambiamento di paradigma economico, politico e sociale,attraverso il loro impegno diretto e indiretto al sostegno di un progetto politico, investendo e rischiando da imprenditori parte dei loro soldi, che tanto dovranno dare allo stato e alla banche, che confrontati alla libertà e alla sopravvivenza delle loro aziende sono una nullità, ma per loro ancora sono più importanti i soldi e non la funzione sociale in un periodo di guerra.

Questo ci dice che non sono ancora consapevoli del proprio destino, a sentirli parlare sembra di si, ma in realtà cercano solo quantità per proseguire la corsa come prima, come se nulla è accaduto in questi anni di euro e di liberismo mondialista, come se la tassazione elevata si può abbassare in questo sistema europeo, scaturita per colpa del politico che non sa fare il suo mestiere, quando invece sanno benissimo cosa fanno.

Il Fronte o altri movimenti nuovi che lottano da anni, abbiamo le idee chiare e sappiamo cosa fare, abbiamo solo bisogno di imprenditori che abbiano capito e sono motivati quanto noi, basta! Non è la quantità di un milione di persone, non ci servono, ma la qualità di chi ha capito ed è motivato a rischiare tutto per la libertà e il futuro del tessuto produttivo italiano, credendo che sia molto più importante di qualche migliaia di euro.

Solo voi imprenditori potevate unire gli uomini di buona volontà che in questi anni si sono distinti per certe battaglie politiche ed economiche, ma questo ancora è lontano dai vostri desideri, dalle vostre motivazioni, perchè avete ancora la speranza di salvarvi dalla DEFLAZIONE, magari facendo cartello, purtroppo vi deludo come al solito, non si salverà nessuno, neppure voi.

Quando avrete capito ciò, saremo già al dopo e non vi meravigliate se molti vostri colleghi invocano la guerra e i bastoni, la responsabilità è vostra perchè nel 2015 non avete ancora capito che è finito un sistema e che non basta contrattare con il politico di turno, perchè vi hanno venduti e hanno decretato la distruzione del mercato interno e quindi la vostra fine….valeva le pena rendersi utile alla causa e impedire la guerra che con la vostra negligenza e speranza nell’impossibile sarà inevitabile, essendo già in piena guerra da anni, non visibile per voi, mentre ci sono molti segnali preoccupanti in europa per la successiva, ma ancora si ritiene ciò una “fantasia”….lo vedremo prima di quello che pensate.

Questo paese non verrà salvato nè da un leader, nè da milioni d’italiani attraverso elezioni politiche vincenti, questo paese varrà cambiato da pochi che hanno capito i veri problemi di cui derivano gli altri più visibili ai più, uniti dalla stesso progetto dalla stessa idea e dalla stessa motivazione, mi dispiace smontare le vostre certezze numeriche, ma così dice la storia e questo crediamo noi del Fronte da sempre, non a caso ci siamo costituiti.

Capisco che non è bello sentirsi dire certe cose, ma sono abituato a dire la mia, senza paura, anche perchè la ribadisco da anni e ancora una volta senza suscitare in voi la giusta motivazione che chiaramente io auspico, per il futuro vostro e dei vostri dipendenti, come per il futuro di tutti gli italiani con un minimo di orgoglio nazionale.

Non Firmate Il TTIP…Stiglitz

Anche il Liberista Stiglitz esorta i politici italiani a non firmare la follia del trattato TTIP

 

ttip il suicidio dell'italia_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

Avevamo già scritto QUI sulla follia suicida che l’europa e in particolare l’italia si appresta a consumare firmando il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership) che piace tanto ai liberisti del governo Renzi e del parlamento italiano e che piace meno al governo tedesco della Merkel.

Ho trovato un video dove anche il liberista Stiglitz (e questo dovrebbe già dirvi la gravità della cosa) esorta il governo italiano nel 2014 a non firmare quel trattato, dalle conseguenze catastrofiche per l’italia, come tutti i trattati firmati fino ad oggi, da Maastricht in poi.

Il TTIP darà l’ultimo colpo di grazia alle imprese italiane, anche a quelle dei servizi che ancora resistono e fanno utili, regalando il controllo definitivo degli stati nazionali alle multinazionali americane, attraverso un potere oltre la follia umana che hanno già sperimentato i paesi sud americani con gli esiti che conosciamo tutti, come in Argentina, ma nonostante la storia la nostra stupidità è fuori ogni immaginazione, tanto il popolo si tiene occupato con le stronzate e dalle SCELTE che contano realmente per le loro vite viene tenuto allo scuro da politicanti e servi dell’informazione di massa.

I nostri politicanti i media e il nostro governo Renzi vi parlano di problemucci attraverso slait, slogan di moda e corruzione spicciola, mentre vanno avanti come un rullo compressore verso la firma del TTIP che segnerà la definitiva CONDANNA A MORTE vostra, senza incontrare nessuna resistenza da parte vostra, inconsapevolmente impegnati ad occuparvi d’altro, più o meno importante, a volte inutile.

Quel Trattato NON SI DEVE FIRMARE, ed è una conseguenza naturale Dell’Euro e dell’abolizione delle barriere europee (per quelli che non centra l’euro), dateci una mano in questa battaglia e tralasciate il resto, spesso irrisorio in confronto a questa SCELTA folle e suicida che opziona il nostro futuro e la vostra vita, come sostiene la storia, Stiglitz, noi e tanti altri nel mondo.

Questo è il video dove il Nobel Joseph Stiglitz nel 2014 in qualità di ospite del Parlamento Italiano, impartisce lezione sul TTIP inutilmente ai politicanti nostrani, poi vi diranno che non sapevano o vi diranno che sognavano “l’altra” cosa…come al solito, guarda il caso noi e tanti altri sappiamo e ci battiamo sempre e in anticipo…come mai?

 

 

Ecco la Traduzione del Video;

Penso che l’accordo di scambio che gli Stati Uniti stanno chiedendo all’Europa sia un pessimo accordo, e fareste bene a non firmarlo. Non si tratta di un accordo di libero scambio, lasciate che vi spieghi.

Vi racconto un aneddoto. Un paese dell’America Latina mi ha consultato prima di firmare un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Gli ho detto che ci sono un paio di problemi. Si puo’ firmare un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti, ma un onesto accordo di libero scambio consisterebbe in tre pagine:

  1. noi eliminiamo le nostre tariffe doganali e voi le vostre,
  2. noi eliminiamo le nostre barriere non tariffarie e voi le vostre,
  3. noi eliminiamo i nostri sussidi (sussidi all’agricoltura, pesca, ecc) e voi i vostri.

Gli Stati Uniti non sono interessati a un accordo di libero scambio, voglio che sia ben chiaro, gli Stati Uniti vogliono un patto di gestione del commercio, gestione per gli interessi particolari degli Stati Uniti, e nemmeno nell’interesse dei cittadini americani, questo voglio che sia ben chiaro.

Questa è una delle ragioni per cui il Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti d’America (USTR) si è rifiutato di rivelare le trattative in corso anche ai membri del Congresso. Vogliono che i nostri rappresentanti siano all’oscuro di che cosa stiamo negoziando, figuriamoci i normali cittadini!

La questione è molto semplice, le tariffe sono già molto basse quindi questo accordo di libero scambio non serve ad abbassarle. Cosa riguarda quindi? Riguarda cose come le norme ambientali, quelle sulla sicurezza, le norme del mondo del lavoro. In questo accordo di gestione che continuano a chiamare accordo di libero scambio, anche se, lo ripeto, non è un accordo di libero scambio, in questo accordo di gestione c’è un provvedimento chiamato “accordo per gli investimenti” che dovrebbe servire a difendere i diritti degli investitori.

Quanti di voi pensano che non ci siano già leggi europee con questa funzione, e che quindi voi abbiate bisogno di ulteriori protezioni per investitori stranieri in Europa, protezioni che non date ai vostri cittadini?

Ovviamente, se la vostra regolamentazione del diritto di proprietà avesse qualcosa che non funziona voi dovreste cambiarla, ma nell’interesse dei vostri cittadini, non per gli investitori americani, ma è su questo che loro insistono!

In realtà non riguarda la protezione degli investitori nel modo in cui ho descritto, è invece un modo per assicurarsi che lorro possano scavalcare le norme ambientali, norme sanitarie e cose del genere. Vi faccio un esempio, non è uno scherzo, sta accadendo veramente.

Philip Morris ha fatto causa all’Uruguay, perché quel paese vuole proteggere i propri cittadini dalle sigarette tossiche. Ha introdotto limitazioni alle pubblicità, il divieto di vendere ai minori.. ma la Philip Morris ha risposto che quella era una restrizione del loro commercio, che hanno il diritto di vendere prodotti che uccidono la gente. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lodato l’Uruguay per questo.

Con l’accordo che firmerete, o meglio, che gli Stati Uniti vogliono che voi firmiate, rinuncerete al diritto di proteggere i vostri cittadini.

Alla Paura Del Sistema Schulz Si Risponde…

Alle Paura usata dal sistema dittatoriale eurista incarnato da Martin Schulz si risponde con la paura incarnata da Marine Le Pen e il Fronte Popolare.

 

schulz e le pen_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

Noi del Fronte Popolare fin dall’inizio abbiamo individuato il FN di Marine Le Pen come unica possibilità che noi avevamo per abbattere il muro dell’euro e la sua ideologia dittatoriale europea.

Siamo stati sempre convinti che il sistema si poteva abbattere solo usando le stesse armi loro, una su tutte la PAURA, molti in italia ancora non lo hanno capito e pensano di combattere con le pistole ad acqua della corruzione, che fa breccia tra il popolo ma il sistema eurista gode e ringrazia.

L’ideologia Liberista e Mondialista Eurodrogata si può abbattere solo fornendo benzina a partiti e movimenti che si battono realmente contro, non c’è altra soluzione, può piacere o meno, ma è così, il resto sono diversivi che non serviranno a nulla e sono tutti funzionali al sistema stesso.

Il superamento delle ideologie e il superamento delle differenze, che ci sono, tra il Fronte Popolare, la Lega di Salvini e il Front National di Marine Le Pen o altri movimenti nuovi sovranisti nati in italia, assieme a sindacati trasversali come la CONFAEL e Associazioni di Piccoli Imprenditori e di Disoccupati , sono necessari se si vuole vincere la Guerra contro il sistema.

La strategia è quella di fare PAURA attraverso un numero consistente di popolo che possa opporsi al sistema e sovrastarlo, la stessa PAURA che hanno usato loro per sovrastare il popoli europei in particolare, attraverso l’unione dell’obiettivo comune e non attraverso le differenze che dividono, a questo già ci pensa il sistema e noi non dobbiamo cascarci se abbiamo capito.

Il Sistema oggi ha PAURA del Fronte Anti Euro in continua crescita in tutta europa, dove Marine Le Pen è il faro indiscutibile, noi del Fronte in italia siamo piccoli, i media ci hanno censurati e ignorati, la Lega è diventata grande perchè è riuscita ad accedere all’informazione di massa, Fratelli D’Italia non ha saputo fare meglio e quindi non abbiamo scelta noi del Fronte fino a quando non saremo grandi, mettere da parte la primo genitura e dare forza a chi è stato più bravo di noi o più fortunato di noi economicamente, non importa adesso, quello che importa è raggiungere l’obiettivo che è comune, abbattere l’euro e la Dittatura Liberista Eurista, come ammettono loro stessi in questa lettera molto significativa inviata a Gofynomics, che trovate QUI a dimostrazione che anche a sinistra si inizia a capire il disastro che hanno creato con le ideologie.

 

 

Naturalmente l’elite ha guadagnato e anche molto, il popolo al contrario difende chi è contro se stesso perchè non ha capito (vista l’informazione di una dittatura) come sostiene la lettera e come dimostra questo video in modo disarmante.

 

 

La Paura di Schulz che oggi aziona la macchina del fango verso Marine Le Pen  è la dimostrazione che la nostra strategia FUNZIONA, (prima ti ignorano, poi ti infangano e se non ci riescono ti uccidono), e invitiamo tutti a guardare lontano come crediamo di aver abituato i nostri sostenitori, superando le divisioni ideologiche e le differenze, tra Piccola e Media Impresa e Lavoratori, tra Destra e Sinistra, tra Movimenti o Partiti, focalizzando l’obiettivo primario e i nemici dei popoli europei, solo dopo aver vinto la guerra penseremo alla ricostruzione e alle differenze.

Il Fronte del popolo deve essere uno e unito contro il sistema, se si vuole vincere la terza guerra mondiale in atto contro noi tutti da parte dall’elite europea attraverso l’EURO e la PAURA in funzione di una sua fine TERRORISTICA, dalla propaganda, dai sindacati della triplice e dai partiti politici italiani e europei di destra e di sinistra, senza nessuna differenza.

I Popolari Europei come i Socialisti di Bruxelles sono i principali colpevoli di questa Ideologia Liberista Eurista e quindi sono i nostri nemici da abbattere, chi è contro è amico del Fronte Popolare, chi non capisce questo oggi è complice di questo sistema per tanti motivi.

Difendere uno strozzino che ti induce ad indebitarti per poi chiederti oltre ai soldi con i congrui interessi impossibili anche i beni tuoi e della tua nazione e la tua sovranità che suona bene con libertà è una follia e chi difende l’euro difende gli strozzini dell’euro e i propri carnefici, questo deve essere chiaro a tutti gli sciocchi che si azzardano anche a contestare non si capisce bene cosa, non sanno neppure loro tanto sono rincoglioniti dalla bulimia della disinformazione e prigionieri dalle ideologie, se non vi soddisfa a pieno Salvini, sostenete il Fronte Popolare, altrimenti non vi resta che rassegnarvi, oltre c’è il deserto che induce a morte per sete…spero di essere stato chiaro.

Verità, Ideologie e Coraggio

La verità premia sempre, le ideologie dividono e il coraggio di andare oltre salva i popoli.

 

la verità_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

Dopo l’articolo precedente che ha avuto un certo successo, ho letto tanti commenti, mi ha colpito uno che merita una risposta non per l’osservazione in se, ma per altre persone che leggono, mentre in serata ho avuto uno scambio privato con l’Amico Giorgio…che sottolineava le ideologie difficili da superare.

All’interlocutore che mi scrive “ancora con destra e sinistra…tutte caz…vi hanno cotto il cervello…” la mia risposta “sfondi una porta aperta”.

Ribadisco ancora per l’amico che non ha letto in passato i nostri articoli e non dovrebbe neppure parlare prima di documentarsi sul nostro pensiero, almeno così dovrebbe essere, e così faccio io prima di sparare la prima cosa a caso.

Il mio “destra” e “sinistra” è solo una convenzione per far capire ai più, che credono che ci sia differenza, come l’amico presumo grillino che pansa erroneamente che siano diversi da “destra” e “sinistra”.

Io non ho votato mai nè per l’una, nè per l’altra e neppure per grillo, quindi sono il meno indicato a critiche e non ho neppure colpe, come l’amico in questione, giusto per mettere i puntini sulle “i”, la differenza reale di QUESTO PERIODO STORICO DI ECCEZIONE è questa che ho scritto QUI, che non ripeto, se interessa basta leggere e consiglio la lettura al mio Amico Giorgio…

A seguire posterò alcuni video che fanno capire l’operazione che abbiamo fatto noi del Fronte in questi anni, che poi è la stessa che sta regalando il successo a Salvini, da intelligente politico, verso il superamento delle IDEOLOGIE, che l’amico Giorgio…dice di difficile superamento, SBAGLIANDO, solo chi non ha capito si nasconde dietro l’ideologia, perchè non ha argomenti chiari in testa sui problemi reali del presente e il futuro scenario politico e economico, come L’EURO, che unisce tutti, come dimostra Borghi, Bagnai e Rinaldi.

La LIBERTA’ è di tutti, non ha colore politico, non c’è ideologia che tenga, in momenti di eccezione bisogna unire le forze e combattere per essa, poi torneremo a dividerci nelle differenze, sarà naturale, combattere l’euro equivale a combattere per la propria patria, nazione, stato, come preferite e per la propria libertà, chi non lo ha capito o fa finta e continua ancora a non prendere posizione è complice dell’ideologia luogocomunistaeurista questo non lo dico io ma i fatti logici in tutta europa oltre che in italia e lo dicono a sinistra gente come Bagnai, in questi anni la croce l’abbiamo portata noi e se permettete non è stato semplice come oggi.

L’Euro ha fatto questo,questo,questo,questo, notizia che avete sentito in questi giorni su tutti i TG e poi ci si lamenta dell’ISIS, queste sono le stranezze del popolo italiano, ma sono astuti perchè iniziano così, giusto per accattivarsi la simpatia.

Il nostro compito non è quello di convincervi oggi, chi non ha capito oggi non vuole capire, ci penseranno gli eventi (i mercati) e come già è successo in italia, si sveglieranno tutti Anti-Euro il giorno dopo, questo dice la storia e questo abbiamo sempre sostenuto.

La differenza è la verità, non le ideologie, (gabbia del cervello umano) e siamo certi che vincerà, chi ha preso posizione contro l’euro e il liberismo e da soluzioni per il DOPO serie e in una certa direzione, al contrario, chi lo ha difeso o fatto demagogia su esso verrà riconosciuto e spazzato via, qualcuno si salverà, da soli non possiamo farcela è dura da accettare per persone come me, ma è così, conoscendo il popolo italiano non avremmo mai la maggioranza, noi auspichiamo QUESTO, ma non sempre si può ottenere tutto.

Quello che sappiamo con certezza che oltre alla verità ci vuole coraggio nella SCELTA, noi abbiamo scelto con chi stare, da anni con le idee chiare in questa GUERRA, “chi non sceglie e sta nel centro, prende le pallottole da tutte e due le parti”, capito Giorgio…

Da questi video e da quello che abbiamo detto in questi anni, si capisce il successo di Salvini da noi previsto e si capiscono tante altre cosette, consiglio la visione al mio Amico Giorgio…e agli Amici…