Parigi Chiama Roma

Parigi vittima sacrificale come Roma del Mondialismo Criminale.

 

parigi vittima sacrificale come roma_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

Il Fronte Popolare ha già espresso tuttala la solidarietà al popolo Francese per l’infame e vigliacca carneficina ai loro danni.

Ieri ho già fatto un post sui social, dopo avere appreso della strage di Parigi per mano delle bestie dell’isis (solo quella materiale) dove ribadivo alcuni concetti espressi già in passato, senza purtroppo essere serviti, io come altri in italia e nel mondo.

Non è la giornata delle polemiche, ma quella della riflessione e della preghiera individuale e soggettiva, quindi riflettiamo ancora una volta cercando di unire i vari pezzi di un mosaico, poi lascio ad ognuno di voi le vostre riflessioni e la preghiera.

“Je Suis Popolo Francese” e “Je Suis Marine Le Pen” ha una spiegazione doverosa la prima, logica e doverosa la seconda, ma non ideologica o di parte, come hanno sempre pensato in molti.

Quello che è successo in Francia, come quello che succederà in Italia, mi dispiace ribadirlo ma era tutto previsto e prevedibile, come ha cercato di far capire Marine Le Pen in Francia e noi del Fronte in Italia.

E nel mondo si era scomodata anche la Madonna per bocca dei veggenti, che magari a molti farà sorridere, ma purtroppo i fatti non credo che fanno lo stesso effetto e siccome sono quelli che contano, vale la pena riflettere.

 

1-08-2015
Luz del Maria: “Veniamo allertati: la Madonna mi ha confidato che ad un certo punto la Francia sarà attaccata e questi stranieri giungeranno fino a Parigi, questo a causa della cattiva condotta dell’uomo.
La stessa cosa succederà all’Italia, a causa delle sue decisioni sbagliate ed anche per le offese a Cristo, Re dell’Universo. Gli accadimenti saranno continui, e ci sarà chi si chiederà con sorpresa: Chi sta attaccando Roma? E dovremo dire: quelli che si definivano loro amici, non quelli che si definivano loro nemici…”

 

Come abbiamo scritto più volte in questi anni, (non senza difficoltà) non c’era bisogno di scomodare la Vergine e non c’èra bisogno di essere veggenti per capire che eravamo nel pieno della TERZA GUERRA MONDIALE iniziata nel 2007 e che se non si lottava in prima persona ci avrebbe condotto alla QUARTA….ecco spiegato il nostro impegno.

Vorrei farvi riflettere sull’ultima frase chiave che ha riportato la veggente: E dovremo dire: quelli che si definivano loro amici, non quelli che si definivano loro nemici…”

Questa frase racchiude tutti i pezzi del mosaico che avete tutti sotto i vostri occhi, ma non vedete perchè la disinformazione tramite il potere (che non è l’isis), ha interesse a non farvi vedere.

E’ di dominio pubblico ormai chi gestisce e finanzia l’ISIS e per quali motivi e meno di dominio pubblico a cosa serve una strage come quella Francese, su chi ci rimette credo non ci siano dubbi, su chi ci guadagna, anche se orribile e ci fa vergognare di essere persone umane, ci sarebbe tanto da dire, cerchiamo di fare un minimo di ordine nel mosaico.

1) Il Tempo: Perchè proprio adesso si decide di fare una strage in Francia? Perchè la TV vi ha detto che L’ISIS si voleva vendicare sull’interventismo di Hollande in Siria?

La risposta è assolutamente NO è esattamente il contrario, proprio per ottenere più interventismo da parte Francese contro Assad.

 

2) La Paura: Perchè proprio adesso hanno bisogno della vostra paura e del mostro e nemico ISIS? Vi ricordate le scelte politiche europee dopo la prima strage al giornale Francese? E cosa invocavano?

Hanno bisogno della vostra paura perchè con la paura si accettano SCELTE POLITICHE INACCETTABILI in condizioni di normalità, come l’entrata in guerra, la limitazione della vostra libertà e la limitazione della vostra sovranità, a favore del vincolo esterno.

 

3) La Reazione: Provando paura per un nemico comune come l’ISIS cosa si ottiene? E qual’è la vostra reazione?

Provando paura e convergendo tutti verso il nemico comune come in questo caso l’ISIS, si accetta passivamente la superiorità del più violento, del più forte e vi fa sentire inermi e impotenti verso alcune decisioni più grandi di voi in apparenza, nello stesso tempo si permette di darvi un motivo in più per indignarvi con chi è prossimo al vostro livello, chi è facilmente raggiungibile e facilmente individuabile, come lo straniero della porta accanto.

La formula è sempre la solita, non vi fate ingannare dal sistema, non fanno nulla a caso e non commettete l’errore di pensare che sono incapaci, come sento ancora oggi da molti.

PRPBLEMA (o falso problema) – REAZIONE (o non reazione) – SOLUZIONE (o falsa soluzione).

Questa formuletta che sapete ormai tutti, viene alimentata dalla parola magica solita, la PAURA. La strage mi sembra un ottimo mezzo.

Il Mosaico è questo, hanno bisogno di una guerra ormai inevitabile e se è di religioni molto meglio, sarà l’unico modo per nascondere il fallimento dell’euro e della fantomatica UE, solo così possono salvarsi e uscire dal mirino dei popoli europei, come scrivevo nel lontano 2009.

Devono combattere l’ISIS ma in realtà vogliono annientare l’unico stato sovrano che c’è in quella area, che è la Siria di Assad, democraticamente eletto, vogliono creare paura e caos in Europa, dicono di volere Putin e l’Iran contro il mostro ISIS, ma gli rinnovano gli embarghi, vogliono la libera circolazione dei capitali, merci, persone e servizi, e poi chiudono le frontiere dopo che si sono fatti invadere, oggi vi dicono gli stessi Bocconiani di Monti oltre al Times Americano che l’euro è già nato morto e fallito e sarebbe meglio uscirne (noi eravamo ignoranti e terroristi), quando vi dicevano che era il vostro bene, panacea di tutti i mali e irreversibile.

Credo che c’è tanto materiale per riflettere, non voglio aggiungerne altro tranne una cosa, l’ISIS è un problema reale e non finto, ma non cadete nella trappola del sistema che lo guida e lo alimenta per scopi contrari a quelli che vi fanno credere….il crimine si combatte alla radice, cioè i mandanti e non a valle, gli esecutori.

Ci uniamo al cordoglio Francese e preghiamo per tutti i popoli Europei, ne abbiamo tutti bisogno….nessuno escluso.

 

 

 

L’ISIS Attacca I Francesi e L’Occidente

L’ISIS attacca i francesi e l’occidente, attraverso un’attentato vile e ignobile.

 

attentato francia_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà al Popolo Francese, sentiamo come nostro, l’ignobile attacco armato terroristico, consumatosi ai danni della redazione del giornale satirico Charlie Hebdo e della Francia tutta, nel quale hanno perso la vita 12 persone innocenti.

La matrice terroristica islamista e solo uno dei problemi sociali REALI che attanaglia l’occidente, che attraverso l’ipocrisia si rifiuta di guardare in faccia la realtà che ormai gli è sfuggita dal campo visivo, affetto dalla “sindrome pantofolaia” e dalla rassegnazione.

Marine Le Pen in un comunicato ufficiale, dello scorso 8 ottobre chiedeva:

Marine Le Pen ha chiesto la sospensione immediata e senza indugio dell’accordo di Schengen per affrontare il ritorno in Francia degli jihadisti che sono andati a farsi addestrare e a combattere nel califfato islamico.

La leader degli euroscettici francesi cita il paragrafo 2 dell’articolo 2 della Convenzione di applicazione dell’Accordo di Schengen, il quale prevede che uno stato membro possa prendere tutte le misure necessarie a garantire la sicurezza nazionale e l’ordine pubblico. Anche la sospensione stessa degli accordi di libera circolazione.

“I servizi di sicurezza devono essere in grado di individuare tutti i terroristi islamici che hanno intenzione di entrare nel nostro paese, controllando nel modo più efficace possibile i confini”, dichiara la Le Pen. Che chiede l’annullamento di tutti i doppi passaporti. “E’ in gioco la sicurezza della Francia e dei Francesi”.

Naturalmente come capita a noi del Fronte, (non di frequente ultimamente), veniva presa con molta leggerezza e superficialità, liquidata con la solita etichetta, da chi vive scostato dalla realtà in nome di un falso buonismo all’insegna della mediocrità.

Qualche giorno fa, in un precedente articolo, ipotizzavo una situazione simile anche in Italia, valutando alcuni fatti successi in Francia e in Italia, nell’ultimo periodo, appunto perchè guardo la realtà dei FATTI e non quella di “fogni”.

Il direttore del giornale francese, massacrato oggi, anticipava attraverso l’ultima vignetta fatta, quello che sarebbe accaduto in Francia nel mese di gennaio, cioè la strage islamista, con queste parole:  “Ancora nessun attentato in Francia”, si legge sul disegno, mentre un talebano armato risponde: “Aspettate. Abbiamo tempo fino a fine gennaio per farci gli auguri”, non perchè era veggente, come molti stupidi pensano, ma perchè era immerso nella realtà e si nutriva della sua aria, se conosci il presente e il passato, il futuro è facilmente intuibile, non si chiama veggenza, ma intelletto, conoscenza e oggettività, mente aperta e libera da ogni gabbia ideologica o paradigma.

Ho sentito il bidone Hollande fare appello all’unità nazionale esattamente come Re Giorgio qualche giorno fa, non capisco di quale unità parlano e di quale nazione parlano, ormai assistiamo alla psicosi collettiva, alla distruzione della tenuta sociale, all’annientamento dell’identità, alla rassegnazione all’invasione clandestina, al perseguimento di una integrazione impossibile che minerà le fondamenta della nostra società fino alla sua esplosione, alla distruzione per scelta degli stati nazionali.

Eppure ogni giorno sentiamo fare appelli, ormai da anni, all’unità nazionale, roba da ridere, se non fosse un vero e proprio dramma dalle conseguenze già scritte, nella storia economica e politica, del popolo francese e del popolo italiano.

Al posto di Renzi e Alfano, inizierei a preoccuparmi, magari rispolverando la sospensione immediata e senza indugio dell’accordo di Schengen, anche al posto di tanti italiani che ancora sognano l’impossibile, trascurando l’imminente esplosione della tenuta sociale in tutta europa proprio a causa del “fogno europeo”.

 

 

 

Il 2014 e L’Anno che Verrà…Buon Anno.

Il 2014 si è chiuso come avevamo previsto, augurandovi un Buon 2015…

 

buon 2015_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

E’ doveroso da parte mia e del Fronte Popolare, augurarvi un buon 2015, ci scuserete per l’eccesso di ottimismo e la frase di circostanza, visto quello che ci riserverà il 2015, tutt’altro che buono, per milioni d’italiani, il nostro cuore vi augura il meglio possibile in qualunque circostanza del momento, qualunque essa sia e sappiate che noi ci saremo sempre.

Il 2014 è trascorso secondo copione liberoeurista attraverso il partito unico dell’euro in parlamento, tranne qualche presa di posizione fuori tempo massimo, facilmente prevedibile (e prevista a suo tempo), per puri scopi elettorali, molto raffazzonata e contraddittoria nei fatti (in parlamento), nella speranza di salvare le loro poltrone, quando l’euro crollerà assieme alla nostra nazione depredata e umiliata (i carnefici diventeranno salvatori).

Purtroppo il Popolo ha la memoria corta ed è facilmente influenzabile, bastano 80 euri lordi che non servono a nulla (prelevati subito dopo con il moltiplicatore), se non ad aggravare ancora di più le cose, (come affermano i dati) ma il potere della propaganda è superiore a noi, nonostante i fatti, loro sono più bravi e uniti di noi popolo, bisogna solo prenderne atto, con tutta l’amarezza del caso per l’ennesimo anno perso.

Il 2014 è trascorso all’insegna della frase che ci faceva venire l’orticaria, mentre per altri era vitale e unica come l’orgasmo, la famosa “dobbiamo fare le riforme strutturali”, nonostante i nobel dell’economia, come Krugman, si spendevano a divulgare cosa fosse la “Trappola della Liquidità”, nulla da fare, se non riesce Krugman, figuriamoci noi del Fronte che speranza di successo potevamo avere, ma abbiamo continuato ad informare senza aspettarci nulla, a quanto pare sono richiesti cialtroni della politica e non Uomini liberi pensatori difficilmente corruttibili.

La forza che ci spinge ancora a lottare, oltre che ad un pizzico di follia, non è la riconoscenza per il lavoro fatto in questi anni (troppo bello per essere vero), ma la certezza che l’euro e questo sistema liberal-dittatoriale un giorno finirà, e con esso i politicanti che hanno mentito e si sono macchiati dell’infamia di alto tradimento, verso un popolo e una nazione.  

Io personalmente ho azzardato e ho sbagliato nella tempistica della fine, ma non mi sono sbagliato sul resto delle cose che lor signori politicanti avevano in programma, il 2014 è stata la dimostrazione più esaltante, da Letta a Renzi, non mi sono sbagliato di una virgola, mentre altri sognavano il miracolo che non potrà mai venire da lor signori.

Nel 2014 hanno sistemato i lavoratori privati (finito l’opera della Fornero e Sacconi), le partite IVA, malati, disoccupati, ecc, il Jobs Act ultimo candito sul panettone, offerto da Renzi e servito da Berlusca.

Abolito il reato di clandestinità passato con i voti del M5S di Grillo e depenalizzato tutti i reati contro la proprietà privata e la persona, giusto per aumentare il terrore che non è ancora abbastanza.

Il 2015 a mio modesto parere è ancora più preoccupante del 2014, questa fine d’anno ci ha regalato (si fa per dire), segnali molto preoccupanti, come al solito, oltre alle certezze di fallimento, derivate dalle scellerate SCELTE politiche, azzardo qualche cosa di più, nella speranza di sbagliare, almeno in questo caso.

Il voler sostenere una moneta e il liberismo, ormai falliti, a tutti i costi (pena le loro poltrone e quelle dei propri figli), per forza di cose si dovrà estendere il Jobs Art anche al pubblico impiego, per favorire licenziamenti (almeno un milione) e riduzione degli stipendi, dovranno mettere mano alle pensioni ancora una volta (135 miliardi di buco) e alla fine quando questo non servirà ad una mazza (si aggrava la domanda), dovranno effettuare un prelievo forzoso sui conti correnti, che io ipotizzo dal 20 al 30% (il 10% affermano loro, ma voi non dovete saperlo).

Dopo i logici COSTI DI SCELTE politiche scellerate al netto delle ruberie, di COLPEVOLI E COMPLICI che siedono in parlamento, e la messa in scena di un nuovo presidente della repubblica, naturalmente un EURISTA DOC come Re Giorgio, altrimenti il gioco si complica e non ci devono essere intralci per una legge elettorale maggioritaria e bipolare che li blindi da intrusi come potremmo essere noi o altri, si arriva al piatto forte, quello dettato dall’azzardo della mia fantasia.

Naturalmente dopo tutto questo ben di Dio, dettato dal patto del Nazareno, il popolo qualche gemito lo farà, anche se narcotizzato e loro ne sono consapevoli, ecco che c’è bisogno di confusione e aumentare la PAURA, parolina magica che condizione il mondo e le scelte del popolo.

A fine anno dopo lo scandalo romano “mafia capitale” i giornali titolavano “Cupola Nera” dove venivano coinvolti alcuni personaggi che hanno fatto parte della destra in passato e nel presente, il giorno dopo la “Cupola diventa Rossa”, si scopre che sono coinvolti personaggi di sinistra del passato e del presente, addirittura in alcuni filmati si vede l’allora presidente delle COOP e attuale ministro Poletti a chiedere corsia preferenziale per i pagamenti delle coop rosse, ma tutto tace di colpo per un po di giorni fino al rilancio, con l’operazione “Aquila Nera” che vede coinvolti alcuni personaggi di destra, a loro dire pericolosi terroristi in possesso di armi che progettavano attentati, contro politici e varie filiali di equitalia, addirittura con le persone all’interno, a mio parere un armata di pericolosi della tastiera, qualche giorno dopo il rilancio, attentato dei NO TAV sempre secondo loro, in una tratta ferroviaria.

Tutto questo in pochi giorni mi puzza e mi fa ritornare con la memoria al passato, dove certi pezzi dello stato, alimentavano il fuoco tra due fazioni denominate “Destra” e “Sinistra” per compiere atti indegni come le stragi, che giovavano attraverso la PAURA agli scopi sporchi del sistema, sacrificando innocenti del popolo senza nessuna colpa (cornuti e mazziati).

Non voglio angosciarvi ancora e mi prendo anche l’essere gufo, come dice il Curatore Fallimentare Renzi, non mi sottraggo neppure ad andare oltre, con qualche possibilità d’errore e spero con tutto il cuore di sbagliarmi questa volta, questo è il mio augurio e quello del Fronte per il 2015.

Buon Anno a Tutti Voi che ci avete aiutati anche in questo 2014 a diffondere la verità, contro il pensiero unico di un sistema folle.