Renzi Batte Amato Bail-In

Renzi batte Amato cento ad uno con il bail-in

 

bail-in_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

Avevamo già scritto su FB sulla scelta politica criminale avvenuta per decreto, da parte del governo Renzi, di adottare il Bail-In in italia e nell’eurozona, ma un interessante articolo del solito Bagnai, mi ha ispirato a ritornare sull’argomento, facendo un paio di puntualizzazioni, ricordando quello che avevamo scritto in passato sul prelievo forzoso, tra scherni e sorrisi di alcuni idioti.

La vendetta è un piatto che si serve sempre freddo…capito cari piddini? Vi piace l’euro? PAGATE…noi abbiamo già dato ed essendo consapevoli non ci facciamo fregare i nostri soldi, per chi li ha, per chi vi scrive non ha questo problema i cazzi sono i vostri, come sono stati del nostro fegato per 8 lunghi anni nel tentativo di rendervi meno idioti…inutilmente.

Adesso siccome non capirete neppure pagando un bel prezzo (questo è solo l’inizio), vi incazzerete con Renzi e come fa chi non ha capito, esattamente come i mercati nel mondo dell’euro, vi dirigerete dalla parte sbagliata, direzione 5 STELLE…della serie…idiozia al quadrato esattamente come il Più Europa.

Nel lasciarvi alla lettura dell’articolo di Bagnai, ho bisogno di ricordarvi quello che avevamo scritto in passato noi del Fronte Popolare che trovate QUI per il 2013 e QUI per il 2014, vi evito quelli scritti ancora prima e vorrei sottolineare due cose.

Alcuni giorni fa un intermediario finanziario, chiede: “chi di voi sa cos’è il Bail-in?” io mi sono stato muto, avevo già capito dove volesse andare a parare, infatti dopo una serie di risposte di altri amici presenti, lui esordisce così:

“il Bail-In è una grossa opportunità e io sono d’accordo”

Ho mugugliato e chi era seduto vicino a me ha sentito, mi sono dovuto violentare per non rovinare la festa agli altri presenti, per una questione di rispetto verso chi mi aveva invitato.

Questo fa capire il cinismo e i danni che possono causare alcune dottrine finanziarie e una certa mentalità liberista…non aggiungo altro…solo una cosa, chi mi ha ascoltato anni fa, non ha perso e non perderà nulla…almeno in soldi…la libertà è già andata.

Mentre gente come noi e questa lettrice di Gofynomics per anni non solo ha dovuto ascoltare scemenze ciniche come questa e anche peggiori, ma ci siamo dovuti avvelenare il fegato rimettendoci la salute che non ci ripagherà nessuno, e vi riporto il suo commento che deve far riflettere.

Yliana Kelevra ha lasciato un nuovo commento sul tuo post “La proxima salida del euro“:

La conoscenza è potere! Ma cosa può questo potere di fronte all’ aria di sufficienza con cui gente impreparata ti guarda, mentre tu cerchi di spiegargli la verità? Non può molto purtroppo. Io l’ho provato. La gente ostenta superiorità quando spiego cosa sia in realtà l’ euro. Persone che non hanno una minima conoscenza in campo economico si elevano a giudici di ciò che è giusto o sbagliato. Perché lo fanno? Perché rifiutarsi di ascoltare perlomeno? Forse sarà per via della mia giovane età, ma quel che resta alla fine è solo una profonda amarezza e senso di frustrazione. Da qui il mio triste sfogo.
Postato da Yliana Kelevra in Goofynomics alle 29 novembre 2015 18:07

Buona lettura a tutti i Piddini, vi avevo avvisati in tempi non sospetti, le cose si capiscono solo quando si pagherà un prezzo salato, anche se Renzi vi ha già preso 100 volte di più di quello che vi aveva preso Giuliano Amato per salvare lo SME, l’antenato dell’euro, nello scandalo di allora e nel silenzio quasi totale di oggi per Renzi, non finisce mica qui…buon sonno a tutti.

Confiteor (2): se vuoi l’euro vuoi il bail-in.

…scusate però!

Io sono vicino a Claudio nel suo tentativo di portare all’attenzione generale il tema dell’iniquo bail-in che ha spiantato nel giro di un fine settimana migliaia di risparmiatori italiani. Ci eravamo lamentati del furto di Amato dai nostri conti correnti, nel tentativo di salvare lo SME che poi sarebbe comunque saltato due mesi dopo, ma in quel caso l’entità, lo ricordo per chi si fosse messo in ascolto in questo momento, fu a spanna di circa 6 miliardi di euro, divisi però su tutti i conti correnti bancari accesi all’epoca. Diciamo che oggi ci sono circa 30 milioni di conti correnti (a spanna, uno ogni due abitanti). Se anche all’epoca ce ne fosse stato uno ogni tre, avrebbe fatto 300 euro a conto in media. Cifre che non cambiavano una vita, anche tenendo conto del fatto che all’epoca 300 euro in realtà erano quasi 600000 lire (e la differenza la sa chi ci è passato). Io un conto lo avevo, ma avevo, già allora, l’insigne privilegio di essere povero, e nemmeno me ne accorsi. In questo caso si parla di 728 milioni di euro sottratti a 5000 persone (ma non sono così certo che il fenomeno sia tanto circoscritto, per cui se avete dati più attendibili vi sarò grato se vorrete condividerli), il che comunque significa circa 150000 euro a cranio (145600 per la precisione).

In questo caso stiamo parlando di cifre che cambiano una vita, ovviamente in peggio: la differenza fra l’agiatezza e la povertà, per alcuni.

Sono anche d’accordo sul fatto che le modalità sono particolarmente odiose, che a quanto emerge chi ha sottoscritto quei titoli non avrebbe potuto essere informato del reale rischio nemmeno se chi era tenuto a farlo avesse voluto farlo (perché il governo, a quanto capisco, ha cambiato le carte in tavola per decreto); che fa quindi prudere le mani il tentativo degli influencer minori libberisti di far passare il pensionato di Macerata per un George Soros, cioè per una persona che è giusto sostenga il rischio delle attività speculative che ha intrapreso con spregiudicatezza (laddove il pensionato non pensava minimamente di star speculando, anzi! Stava mettendo i soldi nella “sua” banca); che l’indignazione non può che essere amplificata dal fatto che ancora una volta si applicano due pesi e due misure, perché alla Germania, come vi dico da sempre, fu permesso (perché, come sempre, lo permise lei a se stessa) di salvare le sue banche con cifre spaventose (140 miliardi solo per la Hypo Real Estate), mentre adesso da noi cifre pari a un centesimo di quelle ci verrebbero rinfacciate come aiuto di Stato; che l’ira potrebbe legittimamente impossessarsi di chi pensi a come il nostro governo di cialtroni mentecatti ha negoziato l’Unione bancaria e in particolare il meccanismo di risoluzione unico,essendo del tutto evidente che per mere considerazioni di equità non si poteva pensare a un meccanismo unico in un contesto nel quale i paesi più furbi, i simpatici kiagnundfottendel Nord, avevano messo in sicurezza le proprie banche con secchiate di miliardi (fottendosene che fossero o meno aiuti di Stato, in omaggio a una consolidata tradizione di slealtà) e si erano per soprammercato disegnati delle regole di supervisione tali dalasciare fuori dal mirino della Bce la loro merda; e, soprattutto, che lascia sbigottiti la certezza, e quando dico certezza intendo certezza, che il sacrificio di tante vite umane al Moloch dell’euro non servirà a un beneamato nulla, perché così fu del sacrificio compiuto nel 1992.

Mi sta tutto bene: indigniamoci, solleviamo il problema, portiamolo all’attenzione di chi non ha capito che tanto poi toccherà a lui…

Ma…

Ma…

Ma, appunto, scusate, fermiamoci un attimo, volete? Perché che questa è una guerra l’abbiamo capito, no? E io sto sudando sangue, quindi devo essere una specie di generale, almeno a sentir Gadda. E allora forse bisognerà pure che vi faccia un discorsetto, volete?

Bè, anche se non volete, sapete che c’è? Come ho detto ieri alle Frattocchie nere: “Voi credete di essere fascisti, ma qui il più fascista sono io, perché sono l’unico che se ne frega veramente”. Del resto, se “I care” era lo slogan di un noto cialtrone “de sinistra”, “I don’t care” non può che diventare lo slogan della resistenza alla sinistra lompo (Lameduck santa subito dopo), subalterna al grande capitale finanziario e disposta a passare su qualsiasi cadavere pur di tutelarne gli interessi.

Quindi, I don’t care se quello che sto per dirvi vi interesserà o vi piacerà, ma ve lo dico, e prima vi faccio rileggere una lettera, quella di un nostro amico (o amica):

Yliana Kelevra ha lasciato un nuovo commento sul tuo post “La proxima salida del euro“:

La conoscenza è potere! Ma cosa può questo potere di fronte all’ aria di sufficienza con cui gente impreparata ti guarda, mentre tu cerchi di spiegargli la verità? Non può molto purtroppo. Io l’ho provato. La gente ostenta superiorità quando spiego cosa sia in realtà l’ euro. Persone che non hanno una minima conoscenza in campo economico si elevano a giudici di ciò che è giusto o sbagliato. Perché lo fanno? Perché rifiutarsi di ascoltare perlomeno? Forse sarà per via della mia giovane età, ma quel che resta alla fine è solo una profonda amarezza e senso di frustrazione. Da qui il mio triste sfogo.
Postato da Yliana Kelevra in Goofynomics alle 29 novembre 2015 18:07

Ecco, vi propongo un piccolo esperimento concettuale.

Nel terzo post di questo blog (il primo Quod erat demonstrandum) abbiamo detto chiaramente da dove sarebbe venuta la botta: dalle sofferenze bancarie. Questo, naturalmente, dopo aver spiegato per filo e per segno che queste sofferenze erano causate da una generale sofferenza dell’economia italiana determinata dall’euro, che soffocava le imprese e quindi le famiglie, impedendo loro di ripagare i debiti contratti col sistema bancario. E per tutta la durata di questo nostro percorso ci siamo detti che ilredde rationem sarebbe arrivato quando ci si sarebbe trovati di fronte alla necessità di ricapitalizzare le banche in euro, sottomettendoci alla troika, o in lire, recuperando sovranità monetaria. Ma già due anni or sono ci era apparso subito chiaro che esisteva uno step intermedio, che siamo stati fra i primi a intuire: quello di ricapitalizzare le banche in euro coi soldi di chi ce li aveva messi. Il bail-in, appunto, la cui ineluttabilità ci era apparsa chiara quando abbiamo visto che per proporlo si usava il metodo Juncker.

Quindi, noi, qui, che quello che è successo sarebbe successo lo sappiamo da quattro anni, e come sarebbe successo lo sappiamo da due anni, e sappiamo anche il perché: per i motivi che da due anni ci descrive la Bce e da due mesi il Centre for European qualcosa: gli squilibri finanziari causati dall’euro.

Bene.

Ora proiettatevi a Macerata (città a me peraltro cara) all’ora dell’aperitivo, in un bar della piazza, e immaginatevi Yliana (quella della lettera qua sopra) che spiega al pensionato piddino oggi sul lastrico che potrebbe esserci un problema, e che c’è un tizio che da quattro anni suda sangue e si rovina la salute per evitare che succeda qualcosa di molto brutto.

Secondo voi, il pensionato piddino (dove, ribadisco, la piddinitas non è intesa in senso politico, ma antropologico: la spocchiosa supponenza dell’Untermensch mentecatto che sa di sapere semplicemente perché non si rende conto di defecare gli escrementi che i media controllati da chi ha i soldi per farlo gli hanno fatto ingollare la sera prima), il pensionato piddino, dicevo, avrebbe risposto in un modo diverso da quello descritto da Yliana? Avrebbe manifestato qualcosa di diverso da chiusura, diniego, rifiuto?

Siete sicuri di non sapere la risposta? Non credo. Siete sicuri di saperla, e avete ragione, perché la risposta sappiamo tutti qual è, ed è purtroppo quella giusta, ed è un sonoro:

no

Il pensionato piddino di Macerata, o di Chieti, o di Firenze, o di quel che l’è, certo, non è il George Soros che gli influencer minori dipingono.

Ma non è nemmeno mai stato dalla nostra parte.

Tutt’altro.

È stato l’archetipo, il paradigma, il campione di tutti i difensori senza se e senza ma dell’euro. In altre parole, carissimi, per quanto urticanti queste parole possano essere, per quanto fuori luogo oggi, per quanta compassione umana possiamo e dobbiamo provare per il nostro prossimo, cerchiamo però di non perdere di vista un dato.

Il dato è che i risparmiatori che hanno perso in questo modo iniquo il loro patrimonio sono nostri nemici.

Hanno voluto l’euro? Se lo godano! Ci sono stati a sentire mentre cercavamo di spiegar loro i rischi? Crepino! Hanno sostenuto il blocco di potere politico che sta svendendo l’Italia al capitale estero? Ed è giusto che questo capitale estero li stermini e ne sperda il seme per settantasette volte sette generazioni!

Se fosse successo a noi, questi, che ci hanno irriso mentre cercavamo di farli ragionare, avrebbero pianto? E quando ci succederà, dopo che è successo a loro, e quindi sanno cos’è, proveranno solidarietà? E se gli interessi all’8% se li fossero messi in tasca, poi ci avrebbero invitato a cena?

Noi abbiamo ragionato, e questo ci è costato molto: a me, ma anche a voi. Abbiamo anche cercato di far ragionare, ci è costato ancora di più, a voi, ma anche a me. Ma è stato inutile. E, aggiungo, lo sarà  anche ora che la crisi li ha morsi, e che quindi, finalmente, la corazza del loro gretto egoismo è stata infranta da un colpo cui avrebbero potuto sottrarsi. Piuttosto che ragionare, voteranno 5 stelle, cioè il piano B della finanza statunitense (dopo che il piano A se li è magnati e ricacati, come a Roma plasticamente dicono).

Quindi, carissimi, guardate il bicchiere mezzo pieno, ogni tanto: siamo arrivati ad un momento particolarmente interessante della battaglia. Quello in cui i nostri nemici si sparano addosso fra loro. Mi perdonate se il mio ciglio per il momento resta asciutto? Oggi quello che potevo piangere l’ho pianto nel post precedente. Chi è rimasto vittima della propria idiozia ha una possibilità di riscatto: unirsi a noi.

Ma se l’avesse veramente avuta, questa possibilità, non sarebbe rimasto vittima della propria idiozia.

Noi non abbiamo nulla da rimproverarci. Abbiamo fatto fin troppo.

Natura è matrigna: non piangiamo ogni anguilla mangiata da una spigola, e quindi non possiamo piangere ogni renziano stritolato da Renzi.

Ricordate? Come un ladro nella notte!

Anche Renzi, come Woody Allen, a qualcuno deve pur ispirarsi.

(qualora non si fosse capito, ho lasciato purtroppo senza tappo la damigiana della giustizia, che ha preso d’aceto, ed è diventata vendetta. Io naturalmente sono non violento, non solo per motivi etici, e per pigrizia, ma anche perché è inutile: Dio non è con loro, perché anche lui odia gli imbecilli… Lasciamolo lavorare, lasciamo che i nemici si accoppino a vicenda, teniamo i nervi saldi, e uniamo i puntini per salvare i nostri soldini…)

 

Il Malato D’Europa….Germania

Il Malato D’europa è la Germania e la sua smania colonialista che gli costerà caro per la Terza volta.

 

il nuovo malato d'europa_germania_frote popolare

 

di Vittorio Boschelli

Quando noi del Fronte sostenevamo che la Germania non era così “brava” come vi facevano credere i nostrani killer dell’informazione, non trovavamo molti “adepti” al contrario di altri nastri nascenti sulla scena politica.

Abbiamo scritto in merito numerosi articoli che trovate in questo sito anche datati, in tempi non sospetti, a dimostrazione che i dati e l’economia, quella seria, non si smentiscono mai, si possono falsare o omettere, offrendo in pasto all’opinione pubblica il tutto e il suo contrario, ma come vedete poi il tempo offre le risposte giuste verso la verità dei fatti e non delle chiacchiere dei politicanti alla Renzi e Company che siedono in parlamento.

Uno dei tanti articoli del passato portava questo titolo “Un paese in lenta rovina…Italia? NO…Germania!, dove evidenziavamo il mutismo dei killer dell’informazione italiana che all’epoca, nei vari spazi televisivi alla presenza dei politicanti di turno, vi descrivevano una situazione tedesca idilliaca e da imitare….cosa ci volete fare…la croce pesa, quando si fa fatica si gusta meglio il traguardo.

Oggi un lettore su fb mi scrive “la Germania è un grande paese si risolleverà presto”, che sia un grande paese, non è in discussione, altrimenti non poteva fare quello che ha fatto, ma che si risolleverà questa volta così velocemente del passato e senza ulteriori danni noi nutriamo molti dubbi, anzi siamo certi che il loro calvario è appena iniziato, il lettore non ha ancora visto nulla, le ultime vicende sono nulla a confronto del prezzo che si paga quando si affamano interi popoli attraverso una moneta, stabilito seduti d’avanti ad una scrivania con i nostri politicanti, i maggiori colpevoli, non dimentichiamolo mai…altrimenti è facile dare la colpa sempre agli altri….troppo comodo cavarsela così.

Si risolleverà anche l’italia, ma non per questo non si pagherà un prezzo oltre a quello già pagato fino ad oggi e quello dei Tedeschi vi assicuro che sarà molto più alto (vedi bund), come è stato nella prima e nella seconda guerra, guarda il caso, sono talmente “grandi” e “bravi” che quando decidono di colonizzare sbagliano sempre cavallo…forse dovrebbero capire che non si colonizzano gli altri, ma si rispettano e credo che questa volta gli faremo capire proprio questa sottigliezza che a loro sfugge come sfugge ai nostri politicanti in perfetta sintonia con i Tedeschi e il loro EuroMarco.

Godetevi questo articolo apparso su Spiked e tradotto da vocidallestero.it, ci chiediamo sempre a distanza di anni, quando troverete queste cose sui media italiani e anche nella spazzatura dei social, (si preferisce leggere slogan capire costa impegno) ormai monopolizzati come la madre di tutte le spazzature…la TV, ci chiediamo quando i vostri politicanti vi spiegheranno che non può reggere un mondo dove si esporta tutti e si affama il mercato interno svalutando il lavoro, utilizzando anche l’invasione migratoria…è impossibile e contro ogni storia economica, politica e sociale, ma continuano ad illudervi con altre chiacchiere da bar a base di luoghi comuni, credendo che siamo tutti ipnotizzati, per sfortuna loro non tutti e saremo sempre di più.

Il giornale on line Spiked fa una interessante riflessione sulla leadership europea a guida tedesca. Una lunga serie di scandali ed errori stanno offuscando l’immagine della Germania, per molto tempo additata come il modello d’Europa. In realtà essa sta fallendo su tutti i fronti principali: lo scontro sempre più evidente con gli USA, il fallimento del “progetto europeo” di cui è alla guida, gli stenti economici di un Paese che si è affidato in maniera abnorme alla domanda estera per poter crescere. Due spettri sono all’orizzonte: il rischio che la Germania tenti di imporre nuovamente il suo dominio geopolitico (che già due volte ha portato ad altrettante guerre mondiali) e le crescenti tensioni interne causate da una sconsiderata politica riguardo i migranti.

 

LA GERMANIA È IL NUOVO MALATO D’EUROPA

Di Patrick West, 16 ottobre 2015

 

Prima era la Turchia, e poi la Gran Bretagna. Ma adesso è la Germania che rischia di diventare il nuovo “malato d’Europa”. Le prospettive non sono certo rosee per le Repubblica Federale.

Nel mese di ottobre, abbiamo assistito alle prevedibili e previste conseguenze delle decisioni della Cancelliera Angela Merkel di aprire le porte ai migranti, che si stimano possano essere 1,5 milioni quest’anno. Molti di loro sono ancora alloggiati in tende o all’aperto. Sono scoppiati conflitti e rancori inter-religiosi e inter-etnici tra i nuovi arrivati. La polizia ha registrato il numero record di 500 attacchi xenofobi contro gli stranieri, mentre il numeri delle dimostrazioni continua a crescere. Il governo bavarese ha minacciato di chiudere i propri confini e il tasso di approvazione della Merkel è crollato. Nel frattempo in Austria, appena oltre il confine, la crisi dei rifugiati è arrivata ad un soffio dal mandare l’estrema destra al potere nelle elezioni austriache del fine settimana.

E non è tutto. C’è anche stato lo scandalo Volkswagen. I tedeschi, pienamente consapevoli della loro reputazione di efficienza e tecnologia di prim’ordine, ne sono rimasti fortemente scossi. Il ‘”Made in Germany” sotto accusa, diceva un titolo del Frankfurter Allgemeine. Il quotidiano finanziario Handelsblatt concorda: “Il “Made In Germany” è in pericolo”. Ancora più significativo è stato il giornale più diffuso Bild, che il 27 settembre ha pubblicato pagine coraggiose che descrivono lo schiacciante verdetto del mondo riguardo il gigante tedesco.

Non sarebbe la prima volta in cui la reputazione della Germania moderna viene deturpata. La multinazionale Siemens è stata coinvolta in uno scandalo di corruzione per anni, mentre quest’anno Deutsche Bank è stata multata per 2,5 miliardi di dollari per negligenza. E proprio mentre la reputazione di onestà della Germania viene indebolita, ecco che viene meno anche la sua fama di efficienza.

Il nuovo aeroporto “Brandeburgo” di Berlino, che doveva essere completato nel 2012, è ancora in costruzione e il costo ha già sforato le previsioni di 5 miliardi di euro; i lavori sono stati sospesi il mese scorso per timore che il tetto sia troppo pesante e possa crollare. I tedeschi ora non riescono nemmeno ad organizzare la proverbiale “pisciata da birrificio”, avendo quest’anno annullato all’ultimo momento l’ufficiale Oktoberfest del Regno Unito a causa di ‘problemi operativi’. Per coronare il tutto, la Germania non riesce neppure a battere l’Irlanda a calcio, ultimamente.

Tutto questo potrebbe essere una mera coincidenza. Ma gli anni di illecite pratiche finanziarie non possono essere liquidati come un’aberrazione. Questo, e l’ingenuità della Merkel riguardo le conseguenze di un aumento della popolazione del Paese così consistente e così rapido, mostra un Paese che è diventato tronfio e compiacente.

Giovedì scorso Bruno Alomar constatava sul giornale francese Le Figaro (quando perfino i francesi dicono che il tuo Paese è in crisi, sei davvero nei guai) che il ruolo nel dopoguerra della Germania (ovest) era sostenuto da tre pilastri: i buoni rapporti con gli Stati Uniti; la costruzione di una nuova Europa in tandem con la Francia; e lo sviluppo economico per sostituire le ambizioni geopolitiche.

Tutti questi pilastri stanno crollando, nota Alomar. Le relazioni con gli USA sono messe a dura prova dalle opinioni divergenti in politica estera, soprattutto in Medio Oriente. Nella sfera economica, a partire dalla fine della guerra fredda e dalla crescita della Cina, gli Stati Uniti hanno spostato la loro attenzione dall’Europa all’Asia-Pacifico.

Riguardo il secondo punto, il “progetto europeo” è chiaramente sull’orlo del tracollo, con l’austerità, i salvataggi e la crisi dei rifugiati che stanno solo portando alla luce un difetto intrinseco fondamentale – vale a dire, che non si può avere un unico stato politico senza una lingua e una cultura comune. La conseguente ascesa del Front National anti-UE in Francia potrebbe rompere definitivamente l’alleanza Parigi-Berlino.

Sulla terza questione, il rallentamento economico della Cina colpisce i paesi che più si affidano alle esportazioni di materiali e manufatti. In Gran Bretagna questo ha significato la perdita delle acciaierie nel Redcar; in Germania, questo ha provocato il calo più acuto delle esportazioni in sei anni. Solo la continua debolezza dell’euro ha impedito una caduta ancora più drammatica.

Cosa riserva il futuro per la Germania? Riprendersi il suo dominio geopolitico? Dubito che uno qualsiasi dei Paesi vicini ne sarebbe contento. Ricordate i greci che paragonavano la Merkel a Hitler all’inizio dell’anno?

I tecnocrati ritenevano che l’immigrazione di massa potesse essere un rimedio per il crollo del tasso di natalità della Germania. Ma i ragionamenti miopi non hanno mai risolto nulla. Come la scorsa settimana ha fatto mestamente notare il celebre autore tedesco Botho Strauss: “preferisco vivere in una società che sta morendo piuttosto che in una che, per speculazione politica e demografica, viene mescolata con persone straniere e resa di nuovo giovane”. Questi sentimenti non fanno ben sperare.

 

 

 

Cari Imprenditori Non Ci Siamo

Cari Imprenditori non ci siamo ancora una volta.

 

imprese_fronte popolare

 

di Vittorio Boschelli

In questi giorni io e i dirigenti del Fronte abbiamo avuto modo di fare qualche incontro in giro per l’italia, come facciamo da anni, (non dietro una tastiera), a spese nostre (per qualche imbecille).

Domenica eravamo a Firenze invitati da piccoli imprenditori che si stanno unendo in una nuova associazione, per far sentire la loro voce, aggiungo giustamente era ora, ma non basta.

Ho notato che l’argomento è la tassazione e fare impresa come si è sempre fatta, lottare attraverso la contrattazione numerica, “più siamo più contiamo” verso il potere politico.

A distanza di anni del primo incontro che feci con piccoli e medi imprenditori Veneti, ho notato una cera consapevolezza in più su determinati argomenti, ma siamo ancora lontani anni luce dal capire il vero ruolo che potrebbero giocare gli imprenditori italiani, verso un cambiamento di paradigma economico, politico e sociale,attraverso il loro impegno diretto e indiretto al sostegno di un progetto politico, investendo e rischiando da imprenditori parte dei loro soldi, che tanto dovranno dare allo stato e alla banche, che confrontati alla libertà e alla sopravvivenza delle loro aziende sono una nullità, ma per loro ancora sono più importanti i soldi e non la funzione sociale in un periodo di guerra.

Questo ci dice che non sono ancora consapevoli del proprio destino, a sentirli parlare sembra di si, ma in realtà cercano solo quantità per proseguire la corsa come prima, come se nulla è accaduto in questi anni di euro e di liberismo mondialista, come se la tassazione elevata si può abbassare in questo sistema europeo, scaturita per colpa del politico che non sa fare il suo mestiere, quando invece sanno benissimo cosa fanno.

Il Fronte o altri movimenti nuovi che lottano da anni, abbiamo le idee chiare e sappiamo cosa fare, abbiamo solo bisogno di imprenditori che abbiano capito e sono motivati quanto noi, basta! Non è la quantità di un milione di persone, non ci servono, ma la qualità di chi ha capito ed è motivato a rischiare tutto per la libertà e il futuro del tessuto produttivo italiano, credendo che sia molto più importante di qualche migliaia di euro.

Solo voi imprenditori potevate unire gli uomini di buona volontà che in questi anni si sono distinti per certe battaglie politiche ed economiche, ma questo ancora è lontano dai vostri desideri, dalle vostre motivazioni, perchè avete ancora la speranza di salvarvi dalla DEFLAZIONE, magari facendo cartello, purtroppo vi deludo come al solito, non si salverà nessuno, neppure voi.

Quando avrete capito ciò, saremo già al dopo e non vi meravigliate se molti vostri colleghi invocano la guerra e i bastoni, la responsabilità è vostra perchè nel 2015 non avete ancora capito che è finito un sistema e che non basta contrattare con il politico di turno, perchè vi hanno venduti e hanno decretato la distruzione del mercato interno e quindi la vostra fine….valeva le pena rendersi utile alla causa e impedire la guerra che con la vostra negligenza e speranza nell’impossibile sarà inevitabile, essendo già in piena guerra da anni, non visibile per voi, mentre ci sono molti segnali preoccupanti in europa per la successiva, ma ancora si ritiene ciò una “fantasia”….lo vedremo prima di quello che pensate.

Questo paese non verrà salvato nè da un leader, nè da milioni d’italiani attraverso elezioni politiche vincenti, questo paese varrà cambiato da pochi che hanno capito i veri problemi di cui derivano gli altri più visibili ai più, uniti dalla stesso progetto dalla stessa idea e dalla stessa motivazione, mi dispiace smontare le vostre certezze numeriche, ma così dice la storia e questo crediamo noi del Fronte da sempre, non a caso ci siamo costituiti.

Capisco che non è bello sentirsi dire certe cose, ma sono abituato a dire la mia, senza paura, anche perchè la ribadisco da anni e ancora una volta senza suscitare in voi la giusta motivazione che chiaramente io auspico, per il futuro vostro e dei vostri dipendenti, come per il futuro di tutti gli italiani con un minimo di orgoglio nazionale.

Renzi e l’Austerità “Espansiva”

Renzi L’Austerità “Espansiva” e il gioco delle tre carte.

 

renzi e il gioco delle tre carte_fronte popolare

 

 

di Vittorio Boschelli

L’annuncite di Renzi che mi ricorda quella di un altro e i servi dell’informazione che gli riconoscono meriti e virtù per la “crescita” italiana, altro non sono che il nulla, il becero tentativo di ignorare e trasformare la realtà, ritenendovi idioti.

Questo a noi da un fastidio particolare a cui non possiamo resistere e tacere.

Godere di una boccata d’ossigeno PROVVISORIA e non STRUTTURALE per cause esterne, consentendo al Jolly Renzi di fare una manovra di fine anno meno punitiva del previsto, ma punitiva, non significa che il governo italiano ha sposato l’espansione NON EURISTA.

Quindi se non c’è la riduzione delle tasse, tanto decantata da Renzi, significa che si opera come nel nell’antico gioco delle tre carte, si spostano solo le STESSE RISORSE, non nuove risorse, che pure dovrebbero esserci, vista la spesa inferiore degli interessi sul debito permessa dal QE di Draghi che ha drogato lo Spread…ma i tagli alla spesa pubblica in osservanza del Fiscal Compact e del Pareggio di Bilancio, hanno abbassato il PIL (capito cari “nuovi” “onesti”?), e quindi i benefici quasi annullati….elettroencefalogramma piatto, grazie anche ad un euro e il petrolio ad i minimi….dove il Jolly Renzi non centra un fico secco.

Ma non dovevano risolvere la disoccupazione è il mercato interno?

E perchè continuano a favorire la riduzione di domanda estera e interna creando chiusura di aziende e disoccupati a vantaggio delle esportazioni, grazie alla riduzione salariale e dei diritti?

Domanda che poniamo da anni ma nessuno ci risponde, tranne con argomenti poco educati, per usare un eufemismo, da parte dei futuri “salvatori” del vostro Paese.

La carta dell’IMU sulla prima casa, ad effetto per molti italiani, verrà compensata con gli interessi…statene certi, chiedere alle seconde case e alla sanità.

Vi posto un articolo in merito, di Orizzonte 48, vi consiglio di perdere 5 minuti, ne vale la pena, mentre grazie alla manovra “espansiva” del Jolly Renzi  amministratori locali come Chiamparino sono in rivolta, questo ci indica che il gioco delle tre carte è inevitabile e che i problemi sono solo rinviati al prossimo anno quando il quadro esterno, non sarà più così favorevole come oggi….aspettare per credere.

 

LA MANOVRA “ESPANSIVA” ALL’INTERNO DELL’AUSTERITA’ “ESPANSIVA”: PRESERVARE L’EURO

https://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DOSSIER/912589/index.html?stampa=si&part=dossier_dossier1-sezione_sezione5-h1_h14

1. Per capire se la legge di stabilità sia espansiva ricorriamo alla nota di aggiornamento del DEF approvata il 18 settembre 2015. Da essa traiamo i dati essenziali rilevanti, che sono riportati nella seguente tabella riassuntiva:
Tavola I.1: indicatori di finanza pubblica (in percentuale del PIL) (1)
2014 2015 2016 2017 2018 2019
QUADRO PROGRAMMATICO
Indebitamento netto (1) -3,0 -2,6 -2,2 -1,1 -0,2 0,3
Saldo primario 1,6 1,7 2,0 3,0 3,9 4,3
Interessi 4,7 4,3 4,3 4,1 4,1 4,0
Indebitamento netto strutturale (2) -0,7 -0,3 -0,7 -0,3 0,0 0,0
Variazione strutturale 0,0 0,3 -0,4 0,4 0,3 0,0
Debito pubblico (lordo sostegni e debiti PA) (3) 132,1 132,8 131,4 127,9 123,7 119,8
Debito pubblico (netto sostegni) (3) 128,4 129,3 127,9 124,6 120,5 116,6
Debito pubblico (netto sostegni e debiti PA) (3) 126,2 126,8 125,5 122,3 118,3 114,6
Obiettivo per la regola del debito (4) 123,8
Proventi da privatizzazione programmati 0,4 0,5 0,5 0,5
QUADRO TENDENZIALE
Indebitamento netto -3,0 -2,6 -1,4 0,0 0,7 1,0
Saldo primario 1,6 1,7 2,9 4,1 4,8 5,0
Interessi 4,7 4,3 4,2 4,1 4,0 4,0
Indebitamento netto strutturale (2) -0,7 -0,4 0,1 0,8 1,0 0,9
2. E’ evidente, che in esecuzione degli obblighi di perseguimento del pareggio di bilancio, assunti col fiscal compact, prosegua il “consolidamento” fiscale, cioè la riduzione dell’indebitamento netto – cioè del deficit, destinato, in termini contabili, al pagamento degli interessi sul debito pubblico – e l’aumento del c.d. saldo primario, cioè della misura in cui le entrate superano le spese al netto dell’ammontare annuale degli stessi interessi sul debito pubblico.
Quello che, con evidenza, ha fatto il governo, nel corso del 2015, è ridurre l’indebitamento (deficit) di 0,4 punti di PIL (perlomeno come stima “ufficializzata” e, peraltro, da sottoporre alla verifica della Commissione UE), e mantenere il saldo primario più o meno allo stesso livello del 2014, con un lieve incremento di 0,1 punti (di PIL).
La legge di stabilità attualmente proposta, invece, segna un inasprimento del consolidamento stesso, dato che l’abbattimento del deficit nel 2016 sarà nella stessa misura dello 0,4%, mentre però il saldo primario passerà dall’1,7 al 2% del PIL a fronte di un onere per gli interessi sul debito pubblico INVARIATO tra il 2015 e il 2016: in entrambi gli anni è stimato al 4,3.(nonostante il debito pubblico lordo per il 2016 sia stimato in diminuzione dal 132,8 al 131,4 del PIL e nonostante, dunque, gli effetti sui tassi di collocamento dei titoli pubblici del QE della BCE, previsto anche per il 2016, allo stato).
L’aumento del saldo primario potrà pure essere dovuto a maggiori entrate determinate dalla relativa crescita del PIL, ma ciò, necessariamente, cioè aritmeticamente, implica che la pressione fiscale complessiva, sia invariata, se non in aumento.
Infatti, sempre in base del DEF, ecco le previsioni relative all’andamento delle entrate ed alla pressione fiscale (entrambi in aumento) :
http://www.unimpresa.it/wp-content/uploads/2015/04/tabella-tasse.png

3. Dunque si può senz’altro dire che:

a) la legge di stabilità avrà un effetto non espansivo, considerate le misure di cui è composto nel loro saldo complessivo e non selezionandone e isolandone alcune, di maggior “suggestione” (tipicamente l’abolizione della TASI sulle prime case e su altri immobili), ma riduttivo. Questo se alla manovra fiscale attribuiamo effetti sulla crescita del PIL, come nessuno nega, certamente non al governo (nonostante i media abbiano generato l’idea che solo le tasse abbiano effetto depressivo ma non anche i tagli della spesa pubblica);
b) questo effetto complessivo di “austerità” è indubbiamente minore di quello richiesto dall’applicazione del fiscal compact, cioè dai parametri europei quali fissati dalla Commissione in sede di monitoraggio dei conti pubblici italiani.
In sostanza, la manovra è “meno” depressiva di quanto avrebbe voluto imporci la Commissione, ma non per questo può considerarsi espansiva, cioè capace di generare crescita aggiuntiva di per sè. Questo obiettivo, come dovrebbe essere noto, è escluso in presenza del fiscal compact e del pareggio di bilancio stesso, ormai costituzionalizzato.
Questo articolo di Giorgio La Malfa rammenta questi elementari principi che la grancassa mediatico-televisiva nega senza alcun ritegno.
4. La Commissione (e con essa il governo italiano, che ha aderito prontamente al fiscal compact, ratificandolo nel 2012 e introducendone i principi in Costituzione),segue il paradigma, di correzione degli squilibri finanziari e commerciali conseguenti al funzionamento strutturale dell’euro, insito nel fiscal compact: perciò, ritiene che la crescita si ottenga attraverso la compressione della domanda interna, cui è funzionale la riduzione dell’indebitamento pubblico, da cui deriva, da un lato, la riduzione delle importazioni e, dall’altro, un’alta disoccupazione strutturale (conseguente) che avrebbe il “vantaggio” di ridurre il costo del lavoro (cioè il salario reale), stimolando le esportazioni.
Nel corso degli anni seguenti al 2011, anno di imposizione per via di diktat europei, – cioè la lettera BCE “estiva” e, successivamente, l’applicazione del six packs, culminante nel fiscal compact-, e fino a tutto il 2014, si è visto come tale paradigma di correzione sia sostanzialmente fallito, generando una costante recessione: almeno in Italia, essendo l’unico paese che tale correzione per via fiscale ha almeno tentato di rispettare, riducendo costantemente il deficit sotto il livello del 3% per (tentare di) adeguarsi ai vari parametri del fiscal compact.
Altri paesi, in testa la Francia e la Spagna, hanno ignorato qualsiasi approssimata applicazione dei parametri stessi, registrando sì una crescita, ma con deficit costantemente superiori non solo ai vari obiettivi intermedi di pareggio strutturale di bilancio, ma anche allo stesso 3% in precedenza applicabile all’eurozona.
5. Dunque, in termini di “ritorno alla crescita”, nessuna prova si può registrare nell’eurozona (incluso il caso dell’Irlanda) che l’austerità espansiva funzioni: chi era tornato alla crescita (appunto, Irlanda o Spagna o Portogallo, o, in diversa situazione, la Francia) lo aveva fatto e lo fa, tutt’ora, mediante forti deficit pubblici e mediante il costante peggioramento del rapporto debito PIL.
Quest’ultimo è notevolmente peggiorato anche in Italia, ma a causa del calo recessivo del PIL connesso alla drastica riduzione del deficit pubblico, che si è rivelato pro-ciclico e non espansivo (cosa che la Corte costituzionale, nella nota sentenza sulle pensioni, non è stata in grado di rilevare, limitandosi a censurare un mero difetto di motivazione della natura di “misure per la crescita” della riforma pensionistica “Fornero”).
6. Va peraltro detto che il ritorno alla crescita italiano nel corso del 2015, è dovuto essenzialmente a due fattori, uno principale e uno “secondario”.
Quello principale è il QE, che ha determinato, già con il suo mero annuncio nel corso del 2014, sia il deprezzamento relativo del corso dell’euro rispetto al dollaro (valuta principale degli scambi internazionali), – aumentando, anche in concorso col notorio calo dei prezzi petroliferi, la competitività di prezzo delle merci europee e, dunque, italiane-, sia la caduta dei c.d spread, facendo risparmiare l’Italia sull’ammontare degli interessi del debito publbico (pur aumentato in termini assoluti) e, così, consentendo al governo un certo margine di “minore” austerità, potendosi cioè rispettare l’obiettivo di deficit annuale concordato con la Commissione senza ricorrere a manovre correttive, aggiuntive e depressive, in corso d’anno.
7. In questa situazione “eccezionale” (cioè non strutturale e proprio dell’ordinario funzionamento del fiscal compact), il miglioramento del saldo delle partite correnti, dovuto non solo al calo delle importazioni ma anche all’aumento incrementale delle esportazioni, è stato maggiore dell’effetto depressivo della manovra fiscale 2015: nelle nostre previsioni, al netto degli effetti del QE, la crescita del 2015 sarebbe stata pari a 0 o su valori (anche negativi) prossimi ad esso.
Ma, allo stato, e finchè regge la capacità di assorbimento dei mercati extra-UE (e l’effetto positivo dei prezzi petroliferi), il QE ha funzionato come “svalutazione competitiva” e alleggerimento “relativo” della spesa per interessi e ha consentito all’Italia una crescita, senza investimenti, quale tipicamente legata a politiche monetarie “non convenzionali” (cioè non legate alla fissazione dei tassi, da parte della Banca centrale, già ai minimi storici e non utilmente manovrabili, specie in concomitanza di politiche fiscali, nell’eurozona, completamente contraddittorie con gli effetti sperati dei tassi “zero”).
8. Potremmo poi, irresponsabilmente, ritenere che gli effetti (valutari e fiscali), intrinsecamente transitori, del QE non siano decisivi e pensare di perseguire una politica fiscale espansiva “reale”. Ma questo, permanendosi nell’eurozona, non lo crede probabilmente nessuno in Italia.
Il jobs act, al netto della sua “droga” fiscale consistente nella defiscalizzazione dei nuovi assunti, è, e rimane, una riforma di precarizzazione ulteriore del lavoro e quindi di sua deflazione; il vero dato sulla disoccupazione, correttamente inclusiva di lavori a singhiozzo, scoraggiati, cassaintegrati, e part-time involontari, rimarrà strutturalmente molto elevato.
Quindi la domanda interna sarà caratterizzata da debolezza e, una volta che sia cessato il QE, da contrazione (dei consumi, per l’ampia disoccupazione e il calo dei redditi degli occupati…rimasti); i risparmi e gli investimenti nazionali rimarranno in fase negativa e il gettito fiscale, e quindi i conti pubblici, sono destinati a peggiorare, imponendosi, – sempre in un futuro “fisiologico” dell’eurozona una volta concluso il QE- la consueta rincorsa tra manovre di consolidamento fiscale, sempre più aspre e destabilizzanti, e il dato dei “conti che non tornano”.
9. Rimane il fatto che l’attuale manovra è obiettivamente depressiva: solo lo è in misura compromissoria al ribasso. Si cerca di non aggiustare i conti nella misura voluta dalla Commisione (per ogni anno, infatti, la riduzione del deficit era stata stabilita in 0,7 punti di PIL) e non nelle direzioni (deflattive) da essa indicate:questa linea consegue alla famosa flessibilità che la stessa Commissione consente a condizioni ampiamente discrezionali e di volta in volta da negoziare, in un continuo braccio di ferro tra i responsabili economici del governo e i tecnocrati €uropei, entrambi consapevoli, in un balletto grottesco, chemaggiore o minore che sia il consolidamento comunque perseguito, questo non funziona per la crescita.
10. La crescita non è proprio raggiungibile e stabilizzabile all’interno dell’euro eil sistema di correzione dell’austerità (non espansiva ma “competitiva-deflattiva” mediante alta disoccupazione strutturale), serve solo a mantenere in vita l’euro.
Al più, in questa ottica, si può traccheggiare invocando, appunto, qualche decimale di tolleranza sulla misura del consolidamento fiscale (e dello smantellamento del sistema del welfare), per via delle “riforme” (cioè della precarizzazione-deflazione definitiva del mondo del lavoro), degli “investimenti“, purchè si accompagnino al taglio della sanità e delle pensioni, e magari delle “spese per l’emergenza immigrati“, purchè, anch’essa, si risolva nella immissione di nuova forza lavoro che spinga verso la deflazione salariale. Cosa di cui i tedeschi si mostrano perfettamente coscienti, ma che in Italia una rigida censura mediatica tiene accuratamente nascosta.
Ma sempre implicando che queste debbano trovare copertura in pareggio di bilancio, cioè mediante l’introduzione di nuove o più pesanti imposte su altri soggetti, ovvero il taglio della spesa pensionistica e sanitaria (misure che in genere li vedono plaudenti).